Giovedì 18 Agosto 2022 | 04:18

In Puglia e Basilicata

«Berlusconi a Bari inauguri il Teatro»

«Berlusconi a Bari inauguri il Teatro»
BARI  - «È noto a tutti che ho una forte simpatia per Berlusconi, è sempre benvenuto a Bari. Ma venga da presidente del Consiglio, non da finto candidato alle europee, e venga a restituire il Teatro Petruzzelli alla città e alla Fondazione Lirico-sinfonica». Michele Emiliano non è per niente «spaventato» dalla passeggiata elettorale che il premier terrà domenica a Bari. Anzi. Se potesse lo abbraccerebbe quel capo di governo «così simpatico» e «così diverso dal suo ministro Fitto».

29 Maggio 2009

BARI  - «È noto a tutti che ho una forte simpatia per Berlusconi, è sempre benvenuto a Bari. Ma venga da presidente del Consiglio, non da finto candidato alle europee, e venga a restituire il Teatro Petruzzelli alla città e alla Fondazione Lirico-sinfonica».

Michele Emiliano non è per niente «spaventato» dalla passeggiata elettorale che il premier terrà domenica a Bari («i sondaggi mi danno in vantaggio», dice). Anzi. Se potesse lo abbraccerebbe quel capo di governo «così simpatico» e «così diverso dal suo ministro Fitto».

Ma è tempo di campagna elettorale e il sindaco uscente, ricandidato col centrosinistra a guidare Bari per altri 5 anni, sa bene che quella passeggiata Berlusconi la fa solo per un motivo: rilanciare il suo sfidante, Di Cagno Abbrescia, per restituire al Pdl la guida della città.

Ed è proprio questo il punto: che si smarchi - dice Emiliano, confidando nella «umanità» del premier al di là delle competizioni politiche - da quel livore che ha segnato la vicenda della riapertura del Teatro. «Tutti sanno che la città sta subendo i dispetti di Fitto. Berlusconi avrà tanti limiti, ma di sicuro non ha quello di essere dispettoso. Mi farebbe piacere se venisse qui per regalare alla città un grande gesto: la riapertura. Il ministro Bondi - ricorda il segretario regionale del Pd - aveva preso questo impegno in un luogo importante, la sede del ministero, e perfino nella trasmissione Rai di Minoli. Ora Berlusconi corregga il tiro: sfregiare una città, disprezzarla, farla sentire abbandonata per responsabilità del ministro Fitto, che questa città non l’ha mai amata perché non l’ha mai capita, è davvero brutto».

L’invito è pressante, onde mettere alle strette il premier dinanzi alla folla che accompagnerà la sua tappa a Bari. «Tutto ciò che farà domenica non avrebbe importanza se non si decidesse a riaprire il Teatro. Sono il sindaco, sono pronto a portarlo lì e a stendergli il tappeto rosso. Ma lo faccia».

b. mart.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725