Martedì 16 Agosto 2022 | 11:27

In Puglia e Basilicata

Il potere e i suoi "derivati" protagonisti al Festival d'Itria

Il potere e i suoi "derivati" protagonisti al Festival d'Itria
Il potere, nelle sue varie accezioni, è il filo conduttore delle tre maggiori produzioni operistiche del 35/o Festival della Valle d’Itria, in programma a Martina Franca dal 16 luglio a 5 agosto 2009. Nel darne notizia una nota spiega che si passerà «dal potere magico dell’arte e della musica espresso dal mito di "Orfeo ed Euridice" al potere quale tragica aspirazione della mente umana simboleggiata dal dramma di "Re Lear", al potere della tirannia esercitato in nome della sacralità nella vicenda euripidea di Ifigenia»

21 Maggio 2009

MARTINA FRANCA (TARANTO) – Il potere, nelle sue varie accezioni, è il filo conduttore delle tre maggiori produzioni operistiche del 35/o Festival della Valle d’Itria, in programma a Martina Franca dal 16 luglio a 5 agosto 2009. Nel darne notizia una nota spiega che si passerà «dal potere magico dell’arte e della musica espresso dal mito di "Orfeo ed Euridice" al potere quale tragica aspirazione della mente umana simboleggiata dal dramma di "Re Lear", al potere della tirannia esercitato in nome della sacralità nella vicenda euripidea di Ifigenia». 

Il Festival si inaugura il 16 luglio con la stessa opera che nel 1975 diede il via all’avventura del Festival martinese: "Orfeo ed Euridice" di Gluck, quindi sarà la volta, il 19 e 21 luglio, di "Re Lear" l’ultima opera musicata da Antonio Cagnoni e infine, il primo e il 3 agosto, di "Iphigenie auf Tauris" di Gluck. 

Alle opere si affiancheranno numerosi concerti, replicati anche in altre città pugliesi: il 17 e 25 luglio è in programma un omaggio a Haydn e Gluck, il 24 e 30 luglio a Shakespeare e l’opera. Il 26 Luglio si terrà il tradizionale concerto sinfonico dedicato alla classicità di Gluck, Haydn e Berlioz. 

In chiusura il Festival sarà ospitato nelle cattedrali di alcune città pugliesi il 31 luglio, 2, 4 e 5 agosto, e per l’occasione sarà eseguito il monumentale oratorio dal titolo "Die Sh' pfung" (La Creazione) di Franz Joseph Haydn, nel bicentenario della morte.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725