Domenica 14 Agosto 2022 | 11:36

In Puglia e Basilicata

San Vito dei N., 160 corti al Finibusterrae del Salento

San Vito dei N., 160 corti al Finibusterrae del Salento
Sono ben 160 i «corti» selezionati per la prossima edizione, la settima, del «Salento Finibus Terrae», il festival internazionale del cortometraggio in programma alla fine del prossimo mese di luglio nel Salento: saranno tutti proiettati nel corso delle quindici serate in cui sarà articolata la rassegna che, anche quest’anno, è itinerante.

09 Maggio 2009

di RAFFAELE ROMANO

Sono ben 160 i «corti» selezionati per la prossima edizione, la settima, del «Salento Finibus Terrae», il festival internazionale del cortometraggio in programma alla fine del prossimo mese di luglio nel Salento: saranno tutti proiettati nel corso delle quindici serate in cui sarà articolata la rassegna che, anche quest’anno, è itinerante. Il «Salento Finibus Terrae» prenderà il via nel leccese, a Salve - nei giorni 11 e 12 luglio - con i corti delle sezioni «Ambiente» e «Musica e Danza»; quindi si sposterà a Nardò: nelle serate del 13 e 14 luglio la stupenda piazza Cesare Battisti del centro salentino farà da degna cornice ai film inseriti nelle sezioni «Animazione» e «Panorama Corti Puglia». La carovana del festival si trasferirà, poi, in provincia di Brindisi: Carovigno, Mesagne e San Vito dei Normanni, città nella quale questa interessante rassegna nacque sette anni fa e dove si chiuderà anche per questa edizione.

A Carovigno, nel cortile del castello Dentice di Frasso, appuntamento il 15, 16 e 17 luglio: saranno proiettati i film delle sezioni «Bullismo» e «Noir». Il 18, il 19 ed il 20 luglio, sarà la volta di Mesagne: in programma le sezioni «Corti cortissimi» e «Children world». Infine, dal 21 al 26 luglio, kermesse conclusiva a San Vito dei Normanni, nell’arena «don Tonino Bello» dell’edificio scolastico «Lanza del Vasto» con le sezioni «Mondo corto» e «Diritti umani».

C'è, poi, un evento collaterale di grande fascino: è la mostra «Cinquant'anni di cinema: fotogrammi da set» che sarà allestita a Mesagne, nel castello Svevo, dal 20 luglio al 20 agosto.

Come si vede, la settima edizione del «Salento Finibus Terrae» ha già preso forma. Ne è particolarmente lieto il suo ideatore e direttore artistico, il regista Romeo Conte: «I numeri della prossima edizione del nostro festival dimostrano chiaramente - egli dice - che cresciamo a vista d’occhio. Sono stati tantissimi, anche quest’anno, i corti pervenuti presso la nostra segreteria e non è stato facile, vi posso assicurare, il lavoro di selezione». In effetti, si sono candidati a partecipare alla rassegna salentina registi provenienti da ogni angolo del mondo: Australia, Brasile, Nuova Zelanda, Messico, USA, Canada, Venezuela, Marocco, Spagna, Portogallo, Francia, Irlanda, Gran Bretagna, Olanda, Danimarca, Svezia, Germania, Belgio, Romania, Israele, Russia, India, Nepal, Serbia, Croazia, Svizzera, Panama e, naturalmente, Italia. Diversi, anche, i pugliesi.

«Stiamo definendo - aggiunge Conte - le collaborazioni, per noi preziose. Posso già anticipare che, anche quest’anno, sarà nostro partner una prestigiosa azienda salentina, quale è l’Italgest». Non aggiunge altro il vulcanico direttore artistico rimandando ad una prossima occasione qualche altra anticipazione, quale - ad esempio - il cast degli ospiti.


Rassegna itineranteIl direttore artistico Romeo Conte, con l’attore Alessio Boni, soddisfatto per la partecipazione numerosa alla settima edizione
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725