Sabato 13 Agosto 2022 | 10:30

In Puglia e Basilicata

"Né blitz, né riscatto per i marinai baresi"

"Né blitz, né riscatto per i marinai baresi"
L'equipaggio del Buccaneer (16 persone, 10 italiani, due dei quali - Ignazio Angione, 54enne direttore di macchina e Filomeno Troilo, cuoco 60enne - di Molfetta, in Provincia di Bari) deve essere rilasciato «evitando blitz militari e senza alcun pagamento di riscatto». È questa la posizione dell'Italia nella vicenda della nave italiana sequestrata dai pirati somali nel golfo di Aden l'11 aprile scorso, che Margherita Boniver, inviato speciale del ministro degli Esteri per le emergenze umanitarie, ha ribadito nei colloqui con le autorità del Puntland (regione semi-autonoma nel nordest della Somalia) dove si è recata oggi e al largo del quale è ancorato il rimorchiatore italiano

02 Maggio 2009

ROMA – L'equipaggio del Buccaneer deve essere rilasciato «evitando blitz militari e senza alcun pagamento di riscatto». È questa la posizione dell’Italia nella vicenda della nave italiana sequestrata dai pirati somali nel golfo di Aden l’11 aprile, che Margherita Boniver, inviato speciale del ministro degli Esteri per le emergenze umanitarie, ha ribadito nei colloqui con le autorità del Puntland (regione semi-autonoma nel nordest della Somalia) dove si è recata oggi e al largo del quale è ancorato il rimorchiatore italiano. 

«Abbiamo espresso all’intero governo del Puntland la nostra richiesta pressante affinchè i canali aperti si mettano a funzionare, per arrivare ad ottenere il rilascio» dell’intero equipaggio (16 persone, 10 italiani, due dei quali - Ignazio Angione, 54enne direttore di macchina e Filomeno Troilo, cuoco 60enne - di Molfetta, in Provincia di Bari), ha detto Boniver, appena rientrata a Nairobi dal Puntland. I colloqui sono stati «lunghi e approfonditi» e si sono svolti in un clima di «sostanziale collaborazione». 

Nella capitale del Kenya, l’ex sottosegretario agli Esteri ha avuto, tra ieri e stamattina, colloqui anche con i vertici del governo somalo: «Tutti gli incontri politici si sono svolti in modo approfondito e in un clima amichevole, anche se da parte nostra con estrema fermezza: abbiamo ribadito che il rilascio dell’equipaggio è priorità assoluta». «E' stato fatto tutto quello che era possibile fino a oggi fare, ma come per ogni sequestro la situazione rimane delicatissima. Continueremo ad adoperarci finchè non saranno liberati», ha detto.

 «La serie di atti di pirateria criminale in corso danneggiano non solo le vittime, ma anche la Somalia che sta tentando di uscire dal periodo di caos e instabilità che dura dal '91. L’Italia – ha ricordato l’inviato speciale di Frattini - è pronta, come ha già dimostrato con uno stanziamento di quattro milioni di dollari deciso nella conferenza dei donatori svoltasi il 22 e 23 scorso a Bruxelles, ad aiutare questo corso, a condizione però che le autorità politiche somale riescano a ristabilire la legalità». 
pirati somaliIntanto le due navi italiane sfuggite all’attacco dei pirati somali stanno rientrando. Il transatlantico "Melody" (991 passeggeri e 536 membri d’equipaggio; 134 gli italiani a bordo) ha attraccato oggi ad Aqaba, nel sud della Giordania. Il porta-container "Jolly Smeraldo", attaccato più di una volta, è stato raggiunto stamani dalla Fregata "Maestrale", della Marina militare italiana, che lo scorterà finchè il cargo non sarà fuori dalle acque a rischio. Ma la filibusta somala continua ad imperversare. Almeno due attacchi (tre, secondo altre fonti) nella notte. Uno sventato: era stata attaccata la petroliera "Kition", battente bandiera di Nassau. Ma è intervenuta una nave da guerra portoghese, la Fregata "Corte Real" che non solo ha sventato l’incursione, ma ha anche arrestato 19 pirati armati di fucili mitragliatori ed esplosivo. Che però, dopo essere stati interrogati e disarmati, sono stati rilasciati. Sequestrata, invece, tra Magagascar e Seychelles, la motonave Ariana, britannica, ma battente maltese. L'equipaggio (sembra 24 uomini) è ucraino. Voci non confermate parlano anche di un altro battello sequestrato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725