Martedì 09 Agosto 2022 | 22:19

In Puglia e Basilicata

La luce verde è spenta, a rischio l'ingresso nel porto di Leuca

La luce verde è spenta, a rischio l'ingresso nel porto di Leuca
di MAURO CIARDO
Il faro andato in tilt nei primi giorni di dicembre 2008, probabilmente a causa del maltempo che imperversò sulla zona in quei giorni, è quello di segnalazione verde collocato alla fine del terzo braccio, prima del molo foraneo. La lampada segna la direzione destra per chi entra nell’area portuale e il buio potrebbe creare pericoli per chi transita all’imboccatura

29 Aprile 2009

di MAURO CIARDO 

LEUCA - La luce verde per l’ingresso al porto è spenta e un’as - sociazione chiede l’intervento del Comune. Il faro andato in tilt nei primi giorni di dicembre 2008, probabilmente a causa del maltempo che imperversò sulla zona in quei giorni, è quello di segnalazione verde collocato alla fine del terzo braccio, prima del molo foraneo. La lampada segna la direzione destra per chi entra nell’area portuale e il buio potrebbe creare pericoli per chi transita all’imboccatura. L’associazione Leuca civica ha inoltrato una richiesta di intervento a Comune, capitaneria di porto di Gallipoli e società Porto turistico (la società mista che ha in concessione l’area portuale). 

«La luce non funziona dallo scorso 10 dicembre - lamenta Alessia Scomparin, a nome dell’associazione che ha sollevato il problema - quando si verificò una violenta mareggiata. Questa situazione da quasi cinque mesi determina gravi problemi di sicurezza e navigazione per tutti coloro che entrano ed escono dal porto - aggiunge - ma nessuno si è preoccupato di sostituire la lampada». «Preghiamo le autorità competenti di intervenire - è il suo appello - per mettere il prima possibile in sicurezza l’ingresso portuale e rendere agibile il transito». 

Dal municipio interviene il responsabile dell’ufficio tecnico, l’architetto Lucio Ricciardi. «Conosciamo il problema - ammette il tecnico - e abbiamo già avviato tutte le procedure necessarie per l’acquisto della lampada, che deve essere fornita da u n’impresa specializzata visto che si tratta di un faro portuale. Credo - annuncia - che nel volgere di quindici giorni il problema sarà risolto e i bagliori di luce verde torneranno a illuminare l’imboccatura dell’infrastruttura portuale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725