Sabato 13 Agosto 2022 | 11:31

In Puglia e Basilicata

Autovelox a Margherita ok dalla provincia di Foggia

Autovelox a Margherita ok dalla provincia di Foggia
L'impianto può essere installato sulla strada delle saline. Dopo vari tira e molla tra amministrazione comunale e provinciale il dirigente del settore viabilità della Provincia di Foggia, Franco Castello, con propria comunicazione ha espresso il suo “nulla osta”. Le multe elevate in precedenza non dovrebbero essere valide 

28 Aprile 2009

di GENNARO MISSIATO-LUPO

MARGHERITA DI SAVOIA - Il “casus belli” sorto tra il Comune e la Provincia, in merito all’installazione, da parte del Comune, di un impianto di controllo e rilevazione elettronica ed automatica della velocità degli autoveicoli (Autovelox) sulla strada provinciale n. 141 (ex 159) delle saline, al km. 42, sul lato sinistro della direttiva Margherita di Savoia-Barletta, continua a tenere banco. 
L’antefatto è che il prefetto Antonio Nunziante, dopo aver esaminato il ricorso prodotto, ex art. 203 del Codice della strada, dal sindaco pro-tempore, Raffaele Bufo, avverso il verbale n. 0552 notificato il primo agosto 2008, con il quale il Comando della Polizia Provinciale di Foggia aveva contestato, allo stesso primo cittadino salinaro l’installazione e messa in esercizio di un autovelox su pertinenza stradale dell’amministrazione provinciale di Foggia, senza la prescritta autorizzazione (con delibera) della giunta provinciale foggiana, lo aveva rigettato, ordinando allo stesso primo cittadino margheritano di rimuovere, nel termine perentorio di 30 giorni, gli autovelox e di pagare, quale sanzione amministrativa per l’infrazione accertata dalla Polizia Provinciale di Foggia, la somma di euro 1.506,50.

In questi giorni arriva la notizia che il dirigente del settore viabilità della Provincia di Foggia, Franco Castello, con propria comunicazione, inviata al sindaco margheritano, ha capovolto la precedente situazione, esprimendo “nulla osta” all’installazione della predetta apparecchiatura, salvo diritti ed eventuali interessi dell’ente-Provincia, nonchè diritti di terzi, dichiarando che l’impianto di controllo e rilevazione elettronica ed automatica della velocità è effettivamente situato su terreno, di “proprietà privata”, adiacente alla strada provinciale 141 e che lo stesso apparecchio rilevatore non risulta di ostacolo alla normale circolazione degli autoveicoli. 

Per quanto riguarda il periodo pregresso (quello che effettivamente interessa a migliaia di automobilisti multati per eccesso di velocità), il dirigente del settore viabilità della Provincia ha precisato che «devesi osservare che l’ente Provincia, pur avendo comunicato un parere preventivo favorevole, a detto parere non è seguito il successivo nulla osta definitivo, anche perchè la procedura non poteva concludersi in assenza di documentazione tecnica, che invece, è stata effettivamente fornita dal comune margheritano solo in data 18.02.2009». 
Non è finita: da palazzo di città, infatti, giunge intanto notizia che il sindaco Bufo ha inoltrato ricorso al Giudice di Pace di Trinitapoli, proprio avverso l’ordinanza del prefetto Nunziante, con la quale appunto, come detto, si rigettava il ricorso, prodotto allo stesso rappresentante di Governo, avverso al verbale elevato dalla polizia provincial e.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725