Mercoledì 17 Agosto 2022 | 06:08

In Puglia e Basilicata

Lecce da domani una città-cantiere

Lecce da domani una città-cantiere
Saranno all'opera contemporanea quindici imprese per rifare il manto stradale e i marciapiedi e per migliorare l’arredo urbano. Da mercoledì il centro diventerà impraticabile se non a piedi e saranno transennati 24 incroci
• «Salteranno» le linee urbane 
• «I Vigili garantiranno l'ordine»
• Circoleranno taxi e ambulanze
• E sulla tangenziale di Bari 3 giorni di lavori e disagi

28 Aprile 2009

LECCE - Accesso vietato, da domani, in centro. Ventiquattro incroci saranno bloccati per consentire il rifacimento del manto stradale, dei marciapiedi e dell’arredo urbano previsto per il summit dei ministri economici del «G8» a Lecce i prossimi 12 e 13 giugno. Saranno in tutto quindici i cantieri che saranno aperti sostanzialmente in contemporanea in città. 
Oggi il sindaco Paolo Perrone, l’assessore al Traffico e alla Mobilità Giuseppe Ripa, l’ assessore ai Lavori Pubblici Severo Martini e l’ assessore alla Polizia Municipale e Protezione Civile Lucio Inguscio illustreranno i dettagli del piano degli interventi e dell’ordinanza straordinaria per disciplinare la circolazione da domani e sino agli inizi del mese di giugno, per quando è attesa la chiusura dei cantieri ed il ritorno alla normale vivibilità quotidiana. 

Il blocco della circolazione, infatti, comporterà non pochi disagi sia ai residenti sia a quanti quotidianamente frequentano la città. In particolare, il divieto di transito sarà in vigore dalle 6 del mattino alle 18 della sera. In questa fascia oraria, non sarà possibile attraversare le strade interessate dai lavori, neppure da parte dei residenti; così come non sarà consentito il carico e scarico delle merci e qualche difficoltà si potrà avere soprattutto nella consegna dei prodotti alimentari freschi. Man mano che i lavori andranno avanti, l’amministrazione comunale e le ditte cercheranno di andare incontro alle esigenze della cittadinanza. Intanto, i disagi cominceranno, domani, dunque, con l’avvio della prima parte dei lavori. 

Gli automobilisti troveranno le transenne in via Cavallotti; tra via 95° Reggimento Fanteria e via Braccio Martello; tra via 95° Reggimento Fanteria e via Imbriani; tra viale Japigia e via Oberdan; tra via Oberdan e via Braccio Martello; tra viale Japigia e via Cesare Battisti; tra via del mare e via Congedo; tra via del mare e via Ribezzo; tra via del mare e via Zanardelli; tra via Imperatore Adriano e via Giusti; tra via Imperatore Adriano e via Arditi; tra via Imperatore Adriano e via Premuda; tra via di Casanello e piazzetta Verdi; tra via Costadura e via Duca d’Aosta; tra via Costadura e via di Porcigliano; tra viale De Pietro e via Costaudra; tra viale De Pietro e via Mondo Nuovo; tra via Casale e piazzetta Peruzzi; tra viale De Pietro ed il Tribunale penale; tra viale De Pietro e piazza Bastioni. Ancora: transenne tra Porta Napoli e via Adua; tra Porta Napoli e via Principi di Savoia; tra via Principi di Savoia e corte dei Gaufrido; tra via Principi di Savoia e via Duca d’Enghien. 

I lavori riguardano il rifacimento del manto stradale - l’asfalto sarà completamente rifatto, con l’eliminazione di quello attuale - la sistemazione dei marciapiedi, il miglioramento dell’arredo urbano, la pulizia del castello di Carlo V e delle mura. La Regione ha stanziato un milione e mezzo di euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725