Mercoledì 10 Agosto 2022 | 06:55

In Puglia e Basilicata

Agguato di mafia a Foggia vertice tra gli investigatori

Agguato di mafia a Foggia vertice tra gli investigatori
Un fucile calibro 12 a pallettoni, un mitra 7.62 e una pistola calibro 45. Sono le tre armi che ieri mattina hanno ucciso Franco Romito e Giuseppe Trotta: un duplice omicidio messo a segno ieri a Siponto, in via degli Eucalipti, a poche centinaia di metri dalla masseria di Romito. Oggi vertice investigativo in Procura

22 Aprile 2009

FOGGIA - Un fucile calibro 12 a pallettoni, un mitra 7.62 e una pistola calibro 45. Sono le tre armi che ieri mattina hanno ucciso Franco Romito e Giuseppe Trotta: un duplice omicidio messo a segno ieri a Siponto, in via degli Eucalipti, a poche centinaia di metri dalla masseria di Romito. Secondo quanto accertato dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia e del commissariato di Manfredonia ieri mattina a mettere a segno l’agguato mortale sarebbero state tre persone.

I killer, con il volto coperto da passamontagna, hanno atteso l'auto con a bordo le due vittime e quando hanno incrociato la Chrysler Voyager hanno sparato contro Romito e il suo autista. I due uomini non hanno avuto scampo: hanno tentato anche di fuggire ma sono stati raggiunti dagli oltre venti proiettili che li hanno uccisi. Una pioggia di proiettili devastanti tanto che i due corpi erano quasi irriconoscibili. 

L’omicidio sarebbe legato alla faida del Gargano. Una delle piste maggiormente seguite è quella dell’amicizia che legava la famiglia dei Romito a quella dei Li Bergolis: un rapporto incrinatosi con la scoperta che alcuni dei Romito erano diventati confidenti dei carabinieri. Intanto, nel corso delle indagini, gli investigatori hanno effettuato sette stub, l’esame che serve per verificare la presenza di polvere da sparo su corpo e indumenti.

OGGI VERTICE IN PROCURA
Un vertice investigativo con i pm inquirenti e col capo dello Sco (Servizio centrale operativo), Gilberto Calderozzi, si tiene oggi a Foggia per far il punto delle indagini sul duplice omicidio compiuto ieri mattina in una stradina poderale di Siponto, località costiera del foggiano. Sono stati eliminati con un gran numero di colpi di armi da fuoco Franco Romito, 43 anni, allevatore e imprenditore, per anni confidente dei carabinieri e testimone in vari processi contro una cosca del Gargano con la quale è ritenuto essere stato in affari, e Giuseppe Trotta, di 64 anni, autista di Romito. 

All’incontro a Foggia prenderanno parte, oltre a Calderozzi, gli investigatori del Commissariato di polizia di Manfredonia, dei carabinieri, della squadra mobile di Foggia, il pm di Foggia Vincenzo Maria Bafundi, il pm della distrettuale antimafia di Bari Lorenzo Lerario. Intanto sono proseguite per tutta la notte perquisizioni e interrogatori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725