Martedì 16 Agosto 2022 | 15:00

In Puglia e Basilicata

Europee, è pugliese il capolista Pd al Sud

Europee, è pugliese il capolista Pd al Sud
di BEPI MARTELLOTTA 
Sarà Paolo De Castro il capolista al Sud del Partito democratico. La decisione sarà ufficializzata oggi dal leader del partito Dario Franceschini nella direzione nazionale. Quanto al Movimento per la Sinistra, il leader e capolista Nichi Vendola convocherà per domani una conferenza stampa in cui presentare la candidata Eva Catizone, ex sindaca di Cosenza

21 Aprile 2009

BARI - Sarà Paolo De Castro il capolista al Sud del Partito democratico. La decisione sarà ufficializzata oggi dal leader del partito Dario Franceschini nella direzione nazionale, convocata alle 13, cui sono stati invitati anche i segretari regionali sino all’ultimo impegnati nella limature alle liste delle cinque circoscrizioni dove si voterà per le europee. 

Ieri Franceschini ha tentato le ultime alternative rimaste sul piatto della capolistatura per il Sud: dopo i no di Marini e D’Antoni e i tentativi non andati in porto coi nomi «eccellenti » da pescare fuori dal partito (lo scrittore Saviano), ha dovuto raccogliere il «no grazie» anche di Marco Follini (il nome dell’ex leader centrista era circolato negli ultimi giorni in alternativa a quello dell’europarlamentare uscente Gianni Pittella, che comunque sarà in lista). Dunque, è tornato a bussare alla porta dell’ex ministro delle Politiche agricole, restio a lasciare il Senato per approdare a Strasburgo ma pronto a fare le valigie nel caso sul suo nome fossero coincise tutte le variabili interne al Pd. 

Da un lato il via libera dei dalemiani (De Castro è presidente dei «Red»), dall’altro i piedi puntati dal segretario regionale Michele Emiliano acché fosse un pugliese a guidare la lista Sud. Ieri Emiliano era impegnato a Bari, ma oggi sarà a Roma per esprimere nella direzione con Franceschini la soddisfazione del partito pugliese alla scelta. Con l’elezione di De Castro all’europarlamento, infatti, non solo viene accolta la richiesta del capolista pugliese, ma viene anche risolto il «nodo Tedesco», ovvero il ripescaggio a Palazzo Madama dell’ex assessore regionale Alberto Tedesco penalizzato alle ultime politiche. Soluzione, questa, in assenza della quale Tedesco aveva più volte minacciato di spostare i voti dei socialisti Pd alle prossime amministrative, mettendo a repentaglio la stessa rielezione a primo cittadino di Bari del segretario del Pd pugliese. La richiesta del capolista era arrivata anche dalla Basilicata, ma far guidare a Pittella la lista era sembrato ai più inutile, essendo l’europarlamentare uscente già in odore di conferma con posizione sicura in lista. 

Quanto a Follini, l’ex Udc ha motivato il suo diniego con l’intenzione di proseguire il proprio impegno nel Parlamento italiano e sottolineando che avrebbe potuto prendere in considerazione una propria candidatura alle Europee nel caso in cui i big del partito fossero scesi in campo, cosa che non è avvenuta. 

Se per il Pd, dunque, i varchi per la strada alle europee sono aperti, a giorni deciderà anche il Movimento per la Sinistra chi mettere in pista per tentare di superare il 4% nel Sud. Il leader e capolista Nichi Vendola convocherà per domani una conferenza stampa in cui presentare la candidata Eva Catizone, ex sindaca di Cosenza: con lei in lista ci saranno il presidente della Provincia di Napoli Di Rello e il sindaco di Castellammare di Stabbia Vozza.
BEPI MARTELLOTTA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725