Lunedì 15 Agosto 2022 | 14:21

In Puglia e Basilicata

Manfredonia, 2 giorni di festa nel nome di re Manfredi

Manfredonia, 2 giorni di festa nel nome di re Manfredi
di MICHELE APOLLONIO 
Tra rievocazione folkloristica, memoria storica, didattica e richiami turistici, venerdì 17 e sabato 18 sarà rievocata la fondazione della città, che gli storici datano 754 anni fa. Un corteo per ricordare la figura e la condizione della donna alla corte di re Manfredi vista in controluce con quella di oggi

16 Aprile 2009

di MICHELE APOLLONIO 

MANFREDONIA - Tra rievocazione folkloristica, memoria storica, didattica e richiami turistici: la celebrazione della nascita di Manfredonia che gli studiosi di storia locale datano a 754 anni fa, costituisce un evento di riferimento nella vita culturale cittadina. Questa del 2009 sarà la sesta edizione e si articolerà in due giornate: venerdì 17 e sabato 18 aprile. Ma la loro preparazione è iniziata già da tempo e, dato molto significativo, nella scuola. NelI’istituto “Don Milani” comprensivo di scuola media, primaria e infanzia, che di quel fondamentale momento storico della città, ne ha fatto un progetto scolastico sviluppato dalle insegnanti Eugenia Gargano, Aldina Virgata, Mattia Ciuffreda con il contributo delle esperienze di Elvira Virgilio e Michele La Torre. «Un progetto che rappresenta un momento di alto valore educativo - rileva il dirigente scolastico Mirella Coli - poiché offre numerose occasioni di riflessione didattica e culturale per il mondo della scuola e non solo, attorno ai valori storici del proprio territorio». 
Un nucleo di base intorno al quale si è sviluppata una “tradizione” sia pure di nuovo conio, sostenuta dal patrocinio e il contributo del Comune di Manfredonia e di altri enti quali la Pro Loco, l’Associazione Arcadia Nova, la Fondazione Karol. Una confluenza non priva di significative prospettive. 

«La rievocazione storica dell’anniversario dei natali di Manfredonia come occasione - propone il sindaco - di riflessione, come momento progettuale: non si può guardare avanti e dunque progettare il futuro di una città, del suo popolo, senza avere coscienza di chi si è e da dove si viene, insomma della propria identità». In questa prospettiva, significativa è stata l’iniziativa guidata dalla Pro Loco di coinvolgere gli studenti con incontri e dibattiti culminati in ricerche su vari argomenti inerenti l’epoca manfredina. 
Tra queste, quella riguardante la figura e la condizione della donna alla corte di re Manfredi vista in controluce con quella di oggi, un tema di attualità che sarà sviluppato dall’assessore alla cultura Paolo Cascavilla nel corso del convegno in programma venerdì 17, alle ore 19 all’auditorium comunale dei Celestini. La fortezza imperiale avviata da Manfredi sulle rive del golfo, farà da sfondo alle manifestazioni di sabato 18. Sin dal mattino nelle sue adiacenze sarà allestito un accampamento nel quale si svolgeranno le caratteristiche attività medievali; alle 19 nel centro storico il festoso corteo della corte di re Manfredi scortato dai suoi cavalieri e accompagnato da musici, sbandieratori, mangiafuoco, trampolieri, con i gruppi “I Fieramosca” di Barletta e “Amici del medioevo ” di M. Riccardo di Manfredonia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725