Mercoledì 10 Agosto 2022 | 18:59

In Puglia e Basilicata

Lecce, ruspe contro  villette abusive

Lecce, ruspe contro  villette abusive
di PIERO BACCA
Decine le demolizioni previste, spesso di case in località turistiche nelle marine o campagna. Un milione di euro per gli abbattimenti. I primi 20 a Frigole, San Cataldo, Casalabate, Torre Rinalda, Villa Convento e a San Ligorio
• Una villa «fuorilegge» al posto della «pajara» fantasma
• I cinque vincoli paesaggistici del territorio salentino

16 Aprile 2009

di PIERO BACCA

Il Comune di Lecce affila le armi per l’ultimo round contro gli abusi edilizi compiuti nel territorio. Ed almeno venti edifici si preparano a cadere nei prossimi giorni sotto i colpi delle ruspe nel quadro di un piano di demolizioni che ad oggi prevede già un centinaio di interventi. Il programma degli abbattimenti è stato definito dal Nucleo di vigilanza del settore Urbanistica e riguarda tutti quei manufatti, soprattutto case, che non hanno potuto beneficiare dell’ultimo condono edilizio, stabilito dal Governo con la legge 326 del 2003. 
Villette di campagna o al mare, ampliamenti di locali e capannoni, ma anche comprensori residenziali a pochi chilometri dalla costa: sono centinaia i casi di strutture edificate in zone sottoposte a vincolo e dunque non comprese nel novero delle situazioni sanabili. E per tutti quei proprietari che contavano di rimediare ad un abuso in realtà «irreparabile», la legge 326 si è trasformata in un boomerang, cancellando definitivamente le speranze affidate alle richieste di condono. A questo punto le domande rigettate hanno seguito un destino diverso, finendo nel computo dei casi da verificare sul campo ed avviare successivamente a demolizion e. 

Il lavoro di ricognizione è stato svolto a partire dal 2003 dal Nucleo di vigilanza, coordinato dal geometra Pippo Scordo. Un gruppo di tre tecnici che fa capo all’assessorato ed al settore Urbanistica, guidati, rispettivamente, dall’assessore Rober to Mar ti e dall’architetto Luigi Maniglio. 
Ma veniamo ai numeri. Le verifiche compiute fino ad oggi hanno portato alla chiusura di 100 pratiche relative a situazioni non sanabili. E per 20 di queste sono già maturate tutte le condizioni per l’immediato abbattimento, che comincerà nei prossimi giorni. Si procederà subito con le case - cinque delle quali sono anche abitate - e la circostanza richiederà quindi lo sgombro dei nuclei. In questi casi i tecnici comunali dovranno avvalersi precauzionalmente dell’ausilio delle forze dell’ordine, che affiancheranno i propri agenti ai responsabili del Comune ed agli operai incaricati degli abbattimenti. 
ruspe, demolizioni
Le demolizioni sono state programmate in tutto il territorio comunale, in particolare a Frigole, San Cataldo, Casalabate e Tor re Rinalda, ma anche nella frazione di Villa Convento e a San Lig orio. Tutte quelle zone, insomma, sottoposte a vincoli paesaggistici, ambientali o urbanistici (non si può edificare, ad esempio, lungo la fascia costiera per una profondità di 7 chilometri). In previsione degli interventi, l’amministrazione comunale ha stanziato in bilancio la somma di un milione di euro. I costi, tuttavia, verranno addebitati ai responsabili degli abusi. Pippo Scordo, coordinatore del Nucleo di vigilanza, fa in merito una premessa. «Negli ultimi anni molti cittadini che avevano presentato le domande di condono si sono poi accorti che la propria situazione non era sanabile. In 38 casi, tra il 2005 e il 2008, si è verificato che i proprietari abbiano provveduto autonomamente alla demolizione. E questo è stato un vantaggio. L’intervento del Comune, infatti, comporta costi più elevati, fino a quattro volte superiori, che vengono poi addebitati ai responsabili dell’abuso. L’amministrazione non fa che anticipare le spese che vengono successivamente recuperate a danno dei proprietari in base all’articolo 31 del decreto presidenziale 380 del 2001». 
I costi di demolizione vengono calcolati con preventive valutazioni tecnico- economiche e variano a seconda delle dimensioni degli edifici oscillando tra i 4mila e i 20mila euro. 

L’azione del nucleo di vigilanza per contrastare l’abusiv ismo edilizio si sviluppa in stretta sinergia con la Procura della Repubblica, che parallelamente procederà ad una serie ulteriore di demolizioni già pianificate dai propri uffici in seguito a riscontri diretti. Oltre ai cento casi già accertati, per i quali sono stati pianificati gli abbattimenti, esistono altrettanti dinieghi di domande di condono ora al vaglio degli uffici. E sono tutte pratiche destinate a tramutarsi in demolizioni. E’ da ricordare che solo nel 2003 nel Comune di Lecce sono stati eseguiti 50 sequestri di immobili e nel 2007 il Nucleo di vigilanza ha proceduto a due abbattimenti: una villa a San Cataldo ed una casa a San Ligorio. Ora i tempi sono maturi per dar corso ai nuovi interventi a tutela del territorio. Questa volta sono tanti. E le ruspe stanno già scaldando i motori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725