Martedì 22 Gennaio 2019 | 15:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 
Truffa aggravata
Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

 
Operazione dei Cc
Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Il Tribunale
Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

 
Duello Landini-Colla
La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

 
Gli sprechi
Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mla euro

Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mila€

 
L'inchiesta di Lecce
Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

Trani, mazzette ai magistrati, Nardi via da carcere: «Ci sono ergastolani da lui condannati»

 

Taranto, botte e minacce
ai controllori bus: due condanne

bus Amtab

TARANTO - Due persone sono state condannate per insulti, minacce e aggressioni fisiche nei confronti di verificatori dell’Amat, l’azienda per la mobilità urbana di Taranto.


Il primo caso, che si è concluso davanti al giudice di pace, riguarda un 80enne, vecchia conoscenza del personale dell’azienda per precedenti simili, condannato a un risarcimento di 400 euro nei confronti di un verificatore, costituitosi parte civile, e a 1200 euro di spese processuali. L’uomo, alla richiesta del primo controllore di mostrare il biglietto, ha risposto con tono minaccioso: «str?o, te la farò pagare, devi buttare il sangue infame» e al secondo verificatore ha ribadito: "pure tu sei cretino come quell'altro, te la faccio pagare per quanto sei ignorante, quando mi vedi devi passare avanti pezzo di m?, ti taglio la gola ora che scendiamo, con che coraggio mi cerchi la tessera».

Nel secondo episodio un 43enne, di fronte alla contestazione di non aver obliterato il biglietto, ha insultato i due controllori: «siete dei pezzi di m?, io vi ammazzo e non pago niente, vi ammazzo di botte». E poi s'è scagliato contro uno dei due procurandogli lesioni. Uno dei due controllori si è costituito parte civile. Il gup ha condannato il viaggiatore a sei mesi di reclusione con pena sospesa. In entrambi i casi l'azienda era rappresentata dall’avvocato Claudio Petrone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400