Lunedì 26 Settembre 2022 | 09:24

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,91%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,46%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,85%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,07%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,12%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,24%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,81%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,29%

Movimento 5 Stelle

 

A Brindisi un'altra centrale Edipower?

A Brindisi un'altra centrale Edipower?
BARI  - ''Con il parere di Via favorevole espresso dalla commissione nazionale il ministero dell’Ambiente si accinge a consentire l’installazione a Brindisi di un’altra centrale a ciclo combinato, per 430 mw, nel sito di interesse nazionale”. Lo afferma l'assessore regionale Losappio". Fonti vicine alla Edipower fanno però sapere che proseguiranno le attività di ambientalizzazione ma non quelle per la realizzazione dell'ampliamento della centrale che non rientra più nelle attuali strategie dell'azienda. Sulla vicenda interviene anche il sindaco: nessun aumento di produzione a Brindisi
Giovanni Pesce (Idv): i cittadini vanno subito informati

15 Aprile 2009

BARI  - ''Con il parere di Via favorevole espresso dalla commissione nazionale il ministero dell’Ambiente si accinge a consentire l’installazione a Brindisi di un’altra centrale a ciclo combinato, per 430 mw, nel sito di interesse nazionale”. Lo afferma l’assessore regionale pugliese all’Ecologia, Michele Losappio, in una nota nella quale spiega che “questo impianto, di proprietà Edipower, andrebbe ad aggiungersi e non a sostituire l’attuale centrale a carbone del stessa società con i suoi 640 mw di produzione in corso portandola a 1070 mw; comportando, tra l’altro, la costruzione di un metanodotto della lunghezza di quattro km”. 

“Questo parere – continua – che non considera nè il Piano energetico ambientale (non viene citato nell’elenco degli atti regionali esaminati) nè le scelte della Puglia in campo energetico, è stato assunto dalla commissione nazionale senza consultare la Regione”. 

“Se fosse recepito dal ministero – conclude Losappio – ci troveremmo davanti ad un ulteriore gravoso peso per il territorio e la salute dei cittadini che la Regione non intende edulcorare ed accettare supinamente. Auspico che l’attenzione delle forze politiche e l’iniziativa delle istituzioni possa evitare alla Puglia una decisione che è per noi irricevibile”.

Fonti vicine alla Edipower fanno sapere che proseguiranno le attività di ambintalizzazione ma non quelle per  realizzazione dell'ampliamento della centrale che non rientra più nelle attuali strategie dell'azienda. 

"A Brindisi non ci sara' un aumento di produzione energetica in conseguenza della decisione della Commissione nazionale per l’ambiente". E' quanto assicura il sindaco di Brindisi in relazione alle notizie riguardanti il futuro assetto della centrale termoelettrica dell’Edipower dopo aver contattato l’Amministratore delegato dell’azienda di produzione energetica da cui ha ricevuto informazioni dettagliate sull'argomento.

"Nel 2003 l’Edipower – afferma Mennitti – ha presentato un progetto per la realizzazione di un gruppo di produzione a ciclo combinato e lo ha sottoposto all’esame della Commissione nazionale per la valutazione di impatto ambientale. Tale fascicolo, però, non è mai stato esaminato, tanto è vero che nel 2005 Edipower ha apportato delle modifiche al progetto. Nell’ottobre scorso la Commissione Via, rinnovata nei suoi componenti, ha esaminato tale progetto ed ha rilasciato la certificazione Via. Edipower nel frattempo ha modificato le proprie strategie (come risulta chiaramente dal Piano industriale aziendale) e quindi non è più interessata a realizzare l’impianto a ciclo combinato, mentre utilizzerà la Via limitatamente al progetto di copertura del carbonile".


"Tutto questo – conclude Mennitti – costituisce la garanzia che a Brindisi non ci sarà un aumento di produzione energetica per effetto del pronunciamento della Commissione ministeriale. E comunque verificheremo gli sviluppi dell’iter burocratico di questa vicenda che adesso è all’esame del ministero dello Sviluppo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725