Mercoledì 10 Agosto 2022 | 07:37

In Puglia e Basilicata

La crisi e il terremoto accorciano le vacanze

La crisi e il terremoto accorciano le vacanze
Drastico calo delle partenze per le vacanze pasquali. E chi parte spende di meno ed accorcia il soggiorno. I salentini, quest’anno, si dimostrano più parsimoniosi. Le mete preferite sono le capitali europee, Londra, Parigi, Madrid, Barcellona, dove sono state prenotate vacanze della durata media di tre giorni. Tiene la Grecia, soprattutto Corfù, mentre crollano le prenotazioni per Umbria, Toscana e città.

13 Aprile 2009

di FLAVIA SERRAVEZZA

LECCE - Drastico calo delle partenze per le vacanze pasquali. O meglio, la voglia di partire non manca, ma i timori legati alla recessione, insieme con le piogge degli ultimi mesi e le pessime previsioni per il weekend, hanno frenato le famiglie salentine dal recarsi nelle agenzie per prenotare i soliti “viaggi a prezzi convenienti”. 

«Non è tanto la crisi economica a far diminuire le partenze», tiene a sottolineare Giovanni Serafino, titolare della Serafino Viaggi e presidente della Sezione Turismo di Confindustria Lecce, «quanto la paura di spendere: è in atto parallelamente una crisi psicologica, perché lo stipendio di un impiegato o di un dipendente pubblico non è diminuito rispetto agli anni scorsi. Anzi, con il calo dei prezzi, il potere d’acquisto di questi soggetti è aumentato».


Tuttavia, chi in questi giorni non rinuncia a “cambiare aria”, è disposto a spendere poco, senza andare troppo lontano: il weekend pasquale vede in gran spolvero le capitali europee. «Abbiamo avuto molte richieste per Londra, Parigi, Barcellona e Madrid - conferma Serafino - tutte mete facilmente raggiungibili in aereo da Bari: il prezzo del volo più soggiorno di 3 notti in hotel con prima colazione, si aggira intorno ai 650 euro».


Si spende ancora meno per la Repubblica Ceca e l’Ungheria. «Praga e Budapest sono le mete più convenienti - spiegano dalla Sant'Andrea Viaggi di Gallipoli - il fine settimana in queste capitali si aggira tra i 350 e i 450 euro, inclusi pernottamento in hotel, prima colazione e tour guidato per la città». Ma Francia e Spagna sono le destinazioni internazionali d’eccellenza. Con tariffe di 135 euro a notte, Parigi offre in questo weekend di festa numerose attrattive: la mostra di Andy Warhol alle Gallerie del Grand Palais e una grande retrospettiva di Kandinsky al Centre George Pompidou, più numerose feste legate al tema della Pasqua e della primavera che si svolgono in tutta la città. Mentre a Barcellona o a Madrid, è facile cavarsela con una spesa media di 104 euro a notte in hotel.


Le bellezze a portata di mano e di portafogli vedono protagonista anche la Grecia: diversi i salentini che hanno optato per un viaggio-lampo all’insegna del relax a Parga, oppure a Corfù. Per 4 notti in mezza pensione, si spende appena 300 euro. Naturalmente i più giovani (almeno fino a 35 anni) risparmiano con la vacanza fai-da-te: prenotano volo e soggiorno tramite internet per scovare i prezzi più convenienti e non solo.


L’enorme quantità di informazioni pubblicate sul web consentono di accedere a fonti diverse da quelle “istituzionali” di tour operator ed enti per il turismo. I tanti racconti di viaggio, i siti personali, le pagine amatoriali dedicate alle località, i giudizi, spesso contrastanti tra loro, le esperienze, i ricordi di chi racconta il viaggio solo per condividerne le emozioni e non per trovare nuovi clienti, sono una miniera di elementi indispensabili per costruirsi un viaggio su misura.


E se da un lato tengono le capitali europee, dall’altro si riducono le richieste di soggiorni in Italia. «Il terremoto che ha colpito l’Abruzzo nei giorni scorsi ha scosso tutti - sottolinea Sergio Mandurino, della Elios Tours di Lecce - e ha senz'altro influito anche sulle preferenze dei salentini. A differenza dello scorso anno, sono andati malissimo i viaggi in Umbria e Toscana o nelle città d’arte come Firenze e Roma. Tra le cause, le cattive previsioni meteorologiche».


Per i paesi extraeuropei, sono andati per la maggiore il Mar Rosso in Egitto (Sharm El Sheik e Marsa Alam), la Turchia (Istanbul) e il Marocco (Marrakech): qui si arriva a spendere 700 euro per 7 notti in pensione completa. In calo, invece, mete esotiche e Stati Uniti, che tuttavia registrano prenotazioni per la stagione estiva. Infine, c'è chi ha puntato su mete in rilancio, come la Thailandia. «Questo Paese devastato dallo tsunami nel dicembre del 2004 - spiegano dalla Elios Tours - sta cercando di riproporsi come destinazione turistica puntando su offerte convenienti che stanno prendendo piede lentamente tra i salentini. Qualcuno è già partito questo fine settimana».


Nonostante una Pasqua “magra”, l’ottimismo non manca per i ponti del 25 aprile e del 1 maggio e in prospettiva estiva: «Fa ben sperare - fa sapere Serafino - la buona quantità di richieste d’informazione che tutte le agenzie della provincia stanno ricevendo per l’estate».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725