Mercoledì 10 Agosto 2022 | 20:09

In Puglia e Basilicata

Ecco «Focaccia Blues»  film che sfida i «fast food»

E’ la storia di Davide che batte Golia, il primo armato con una genuina focaccia pugliese, il secondo con un’invincibile corazza di americanissimi hamburger. Focaccia Blues, film diretto dal barese Nico Cirasola, impreziosito dalla presenza di attori pugliesi come Lino Banfi, Renzo Arbore, Michele Placido, ha anche una morale. E cioè che «tutto quello che sembra certo è incerto e niente è ciò che sembra». Vi appare anche il presidente della Regione Nichi Vendola nel piccolo ruolo del gestore di una sala cinematografica

08 Aprile 2009

E’ la storia di Davide che batte Golia, il primo armato con una genuina focaccia pugliese, il secondo con un’invincibile corazza di americanissimi hamburger. Focaccia Blues, film diretto dal barese Nico Cirasola, impreziosito dalla presenza di attori pugliesi come Lino Banfi, Renzo Arbore, Michele Placido, ha anche una morale. E cioè che «tutto quello che sembra certo è incerto e niente è ciò che sembra». Vi appare anche il presidente della Regione Nichi Vendola nel piccolo ruolo del gestore di una sala cinematografica.

Lo ha spiegato lo stesso regista ieri all’anteprima a Lecce, cui seguirà domani la presentazione a Roma. La storia si ispira ad un fatto realmente accaduto ad Altamura. L’ironica docu-fiction racconta di come il colosso Mc Donald’s sbarchi nel piccolo centro murgiano e apra un mega fast food seguendo i propri criteri di marketing. Il colosso ignora del tutto un piccolo locale, con una sola vetrina, di cui non acquisisce la proprietà.

 «Ma in questo insignificante spazio – racconta il regista – a pochi mesi dall’inaugurazione, viene aperta una piccola panetteria, con un’insegna minimalista ed un modo tutto meridionale di vendere la qualità: la focaccia». Lentamente, ma inesorabilmente nel giro di pochi mesi, la concorrenza del panettiere costringe il colosso americano a chiudere.


Alla storia del film, si affianca la favola d’amore tra Dante (Dante Marmone), un fruttivendolo amante della qualità, e Rosa (Tiziana Schiavarelli), sua cliente abituale, affascinata dal direttore del fast food, Manuel (Luca Cirasola) giunto in paese. Una sorta di anti-eroe western deciso a colonizzare tutto. Alla fine, però, i protagonisti capiranno che è inutile inseguire il sogno americano quando hanno già tutto quello che serve loro per vivere felici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725