Mercoledì 17 Agosto 2022 | 09:57

In Puglia e Basilicata

Partecipò ad agguato un arresto a Taranto

Partecipò ad agguato un arresto a Taranto
L'episodio risale a venerdì 3 aprile quando, in pieno giorno, nei pressi di una tabaccheria in viale Magna Grecia a Taranto due persone spararono alcuni colpi di pistola contro un uomo che, accortosi del pericolo, si rifugiò proprio nella tabaccheria

07 Aprile 2009

TARANTO - Un pregiudicato di 50 anni, Carmelo Pascali, di Taranto, è stato arrestato dalla Squadra mobile con le accuse, in concorso col figlio Nicola che è già in carcere, di tentativo di omicidio, detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo e ricettazione della stessa arma. L'episodio risale a venerdì 3 aprile quando, in pieno giorno, nei pressi di una tabaccheria in viale Magna Grecia a Taranto due persone spararono alcuni colpi di pistola contro un uomo che, accortosi del pericolo, si rifugiò proprio nella tabaccheria. I proiettili finirono contro le vetrate dell’esercizio commerciale e una commessa rimase ferita da alcuni frammenti di vetro. Gli aggressori fuggirono a bordo di un’auto, poi ritrovata al quartiere Tramontone. Grazie al sistema di video-sorveglianza installato nella tabaccheria, la polizia identificò i presunti autori dell’agguato. Nicola Pascali venne arrestato poco dopo nella sua abitazione, mentre suo padre, resosi irreperibile, è stato scovato in casa di un parente, nel centro di Taranto. Nell’appartamento è stata sequestrata una pistola Bernardelli calibro 22, risultata rubata e con munizioni, che si sospetta sia stata usata nell’agguato in viale Magna Grecia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725