Domenica 14 Agosto 2022 | 12:30

In Puglia e Basilicata

Il nuovo portale Gazzetta per dare voce ai Lettori

Il nuovo portale Gazzetta per dare voce ai Lettori
di CARLO BOLLINO
La voce dei lettori potrà farsi sentire in molti modi: commentando gli articoli della «Gazzetta» o le notizie dell’ultim’ora, denunciando i problemi o le burocrazie che affaticano le vostre giornate, partecipando ai diari online che molti dei nostri giornalisti cureranno, esprimendo le vostre opinioni sui tanti sondaggi quotidiani che verranno proposti. E poi denunciando disservizi, o testimoniando efficienze, attraverso foto e video che potrete inoltrarci e che verranno pubblicati sul portale. 
Una sezione anche in inglese

02 Aprile 2009

di CARLO BOLLINO

A sette mesi esatti dall’introduzione del nuovo formato interamente a colori, la Gazzetta del Mezzogiorno lancia da oggi la sua ennesima sfida: la conquista del web. Un portale innovato nella grafica, nei servizi e nei contenuti, con ampi spazi dedicati alle notizie locali (aggiornate minuto dopo minuto) ma anche con foto, notizie e immagini raccolte in tempo reale dal resto dell’Italia e dal mondo. Un sito arricchito da una sezione del tutto nuova chiamata Lagazzetta.Tv che propone un notiziario ogni ora e decine di altre video-notizie sui principali eventi del giorno, secondo quel moderno principio dell’informazione «su richiesta» che offre le notizie come e quando le si vuole. Da un punto di vista tecnologico ed editoriale è un bel salto.
Eppure il vero motivo di orgoglio, quello che ha il peso di un’autentica rivoluzione nel servizio ultrasecolare offerto dalla Gazzetta al suo territorio, è che da oggi c’è spazio finalmente per la voce di voi Lettori. Non più soltanto quello inevitabilmente contenuto di una rubrica della posta (che naturalmente proseguirà), ma uno spazio illimitato, una vera e propria piazza virtuale attraverso la quale lanciare fra gli amici, nella propria città o in tutto il mondo la forza delle proprie idee.

La voce di voi Lettori potrà farsi sentire in molti modi: commentando gli articoli della «Gazzetta» o le notizie dell’ultim’ora, denunciando i problemi o le burocrazie che affaticano le vostre giornate, partecipando ai diari online che molti dei nostri giornalisti cureranno, intervenendo nei forum di discussione, esprimendo le vostre opinioni sui tanti sondaggi quotidiani che verranno proposti. E poi denunciando disservizi, o testimoniando efficienze, attraverso foto e video che potrete inoltrarci e che verranno pubblicati sul portale. 

Certamente non abbiamo la presunzione di affermare di essere noi i primi, e neppure gli unici, a fare questo: il fenomeno dei social-network che impazzano su internet (da Facebook a Youtube) al punto da aver reso ormai superata persino l’e-mail, sono da tempo prova di quella potente voglia di comunicazione che giunge dal pubblico, definitivamente stanco di dover subire l’informazione senza poter esprimere un pensiero, senza poter dissentire o approvare, quindi senza essere al tempo stesso spettatore e protagonista degli eventi. 

La novità della quale la Gazzetta si fa invece portatrice, è che lo stesso bisogno di partecipazione potrà ora essere convogliato anche sui grandi temi di attualità che riguardano il Sud, sulle vicende politiche, umane, sociali, economiche che si sviluppano nelle nostre regioni, nelle province, nei nostri comuni. Una partecipazione che nascerà localmente ma che (a differenza di altre realtà spesso troppo piccole o, al contrario, troppo più grandi), troverà un proprio spazio e condivisione in una dimensione interregionale. Una piazza unica di discussione da Serracapriola a Santa Maria di Leuca, da Melfi a Policoro che raccoglierà in presa diretta anche le emozioni e i commenti delle centinaia di migliaia di pugliesi e lucani emigrati lontano, così da unire il loro, il vostro e il nostro pensiero in una sola grande voce che diventerà - come la storia e l’impegno della Gazzetta hanno dimostrato nei suoi primi 122 anni di storia - la potente voce del Territorio. 

E’ una rivoluzione culturale anche per noi giornalisti che dovremo smettere di considerarci i custodi esclusivi della notizia, che dovremo avere la forza e il coraggio di saper ascoltare le critiche, e l’umiltà di correggere i nostri errori. Perché fra i Lettori ci sarà sicuramente chi, su qualunque fatto, ne saprà un poco più di noi. 

Dopo aver ridisegnato e potenziato i contenuti del giornale in un nuovo formato grafico, oggi la Gazzetta del Mezzogiorno decide insomma di compiere un ulteriore salto arricchendosi anche della voce dei suoi Lettori. Potrà dirsi che è una ulteriore forma di democrazia allargata e partecipata, e infatti lo è. Ma per noi è soprattutto un modo di ricevere e di offrire quella conoscenza a volte straordinariamente profonda che viene generata dall’intelligenza collettiva della rete. Cioè dalla vostra e dalla nostra messe insieme.
carlo.bollino@gazzettamezzogiorno.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725