Martedì 27 Settembre 2022 | 04:36

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Bari, i commercianti di piazza C. Battisti contro il Comune: vogliamo i danni

27 Marzo 2009

piazza Cesare Battisti a BariLeonardo Valerio ha un’ottica in via Suppa, «fino a cinque anni fa andava bene. Poi il cantiere eterno. Adesso mi trovo un mutuo da 18mila euro ogni sei mesi, e non posso pargare». Stefano Milano, anche per lui affari disastrosi. 
La signora Mossa, panificio in via Cairoli, ha venduto casa e attività. Il bar che è all’angolo prima ha licenziato, poi ha ceduto i locali. 

La fotocopieria di via Suppa? Crisi nera. E lo stesso vale per l’Euroshop, casalinghi in via Crisanzio. Storie simili dall’ombelico della città: piazza Cesare Battisti e dintorni, doveva rinascere con un parcheggio sotterraneo. Anzi di esagerazione in esagerazione qualcuno aveva parlato della città della degli studi. È andata com’è noto. Ed ora crollano soprattutto - forse solo - le attività economiche della zona. 
piazza Cesare Battisti a Bari
Sono 21 i commercianti che adesso chiedono i danni al Comune. Gli avvocati Vito Petruzzelli e Michele Mongelli spiegano i prossimi passaggi: messa in mora del Comune; se non accade nulla si va in tribunale. E aggiungono: «La responsabilità del Comune è chiara. Per questo per nome e conto dei nostri assistiti chiediamo un risarcimento di tutti danni patrimoniali subiti dagli stessi - da quantificare previo contatto con il nostro studio legale - che nella qualità di titolari di dette attività non possono più svolgere la loro professione in maniera adeguata». 

Avvocati e commercianti sottolineano: «Non è una questione politica; non vogliamo lucrare. Ma lottiamo affinché che tutta l’area di piazza Cesare Battisti torni ad essere come un tempo, parcheggio o no. E provvedimenti, come è accaduto a Milano e Roma, di sostegno alle imprese, anche attraverso, per esempio, mutui e prestiti a tasso agevolato». 

E a proposito, l’entusiasmo per la struttura sta venendo meno. «Chiediamo anche una conferenza di servizi per conoscere, date, tempi, modalità certe e anche eventuali cambiamenti nelle intenzioni dell’amministrazione comunale. Se insomma il parcheggio è oggettivamente impossibile da realizzare, allora che si provveda a risistemare lo stato dei luoghi». 

Il futuro fa paura: «Per avere la valutazione di impatto ambientale ci sono voluti tempi assurdi. Nel frattempo l’unica concessione avuta ha riguardato la Tarsu. Ma dubitiamo anche sulle cifre che girano e che parlano di un risparmio complessivo per i commercianti di 400mila euro». [rob. calp.]

LA VISTA DALL'ALTO DI PIAZZA CESARE BATTISTI
(partendo da destra verso sinistra: l'area verde di piazza Umberto I, l'Ateneo, la voragine di piazza Cesare Battisti che dovrebbe diventare un parcheggio sotterraneo, la facoltà di Giurisprudenza - in basso a sinistra - e la sede delle Poste centrali con la cupola - in alto a sinistra)
piazza Cesare Battisti a Bari
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725