Giovedì 25 Aprile 2019 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

 
La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, suona il violino mentre la operano per un tumore al cervello

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
LecceAperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Caso nel Brindisino

«Quei due figli non sono tuoi». Fasano, scopre la verità dopo 10 anni e perde la testa

Tre figli (17, 12 e 9 anni) iI primo nato dalla coppia, gli altri due da una relazione con un altro uomo. La confessione della donna per costringerlo alla separazione

«Quei due figli non sono tuoi»Fasano, uomo scopre la verità dopo 10 anni e perde la testa

BRINDISI - Due dei tre figli avuti dalla sua compagna non sono suoi. Lui, un fasanese di 52 anni, lo scopre dopo una decina di anni, quando la moglie decide di separarsi. E da quel momento inizia a tormentare la donna: «Vattene tu e i tuoi figli». A volte la schiaffeggia, ma non vuole che la moglie lasci la casa e pretende che sia lei a prendersi la responsabilità di un eventuale divorzio. Una situazione esplosa il 10 luglio. In casa volano bottiglie e sedie. L’uomo strattona la moglie e la spinge con tutta la sua forza contro un termosifone procurandole delle lesioni ad una mano e ad un braccio. Intervengono i carabinieri. «Portatela via - grida l’uomo -, sennò entro stasera l’ammazzo».

La situazione in famiglia era insomma insostenibile. E il giudice, per evitare qualcosa di irreparabile, emette la misura cautelare di divieto di avvicinamento alla donna. L’uomo (ne omettiamo il nome per tutelare i figli della coppia) viene così iscritto nel registro degli indagati e poi rinviato a giudizio per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate: il pm Francesco Carluccio gli contesta anche l’aggravante di avere agito alla presenza dei figli minori.

Ieri si è svolta la prima udienza a Brindisi dinanzi al giudice monocratico Stefania De Angelis. La moglie si è costituita parte civile. Sono state acquisite le fonti di prova e le liste dei testimoni. Prossima udienza il 1° ottobre.

Tre figli, uno di diciassette anni, l’altro di 12 e il terzo di nove anni. Il primo nato dalla coppia. Il padre degli altri due è un signore con il quale la donna, all’insaputa del marito, ha avuto una lunga relazione facilitata a volta dalle assenze del suo uomo che ha avuto alcuni problemi con la giustizia.

Per diverso tempo è una famiglia come tante altre. Ma poi i rapporti tra marito e moglie diventano tesi. Lei vuole separarsi. Lui non ne vuole sapere. Per convincerlo gli dice che è padre biologico solo del figlio diciassettenne, mentre gli altri due sono stati concepiti con un altro uomo durante rapporti occasionali.

Nel capo di imputazione il pubblico ministero parla di «una pluralità di atti ripetuti nel tempo, lesivi della integrità psicologica e fisica della donna». Il marito «le rendeva la vita oltremodo penosa, in particolare, in più occasioni e con frequenza quotidiana, per motivi banali e soprattutto per gelosia, covando il risentimento per una relazione extraconiugale che nel lontano passato lei aveva avuto con un altro uomo e dalla quale erano nati i figli di 12 e di 9 anni». Lui «la offendeva continuamente con espressioni ingiuriose e le rinfacciava ogni giorno quella sua infedeltà». E non solo. «La denigrava , umiliandola, le rivolgeva ripetutamente minacce, anche gravi di morte, anche per costringerla alla coabitazione e per scoraggiarla dalla scelta di intraprendere una separazione legale che lui avrebbe voluto fosse pronunciata semmai per colpa della donna».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400