Giovedì 11 Agosto 2022 | 09:53

In Puglia e Basilicata

Turi: da casa a scuola a piedi decolla il progetto «Pedibus»

24 Marzo 2009

di PALMINA NARDELLI

TURI - Da ieri è decollato a tutti gli effetti il progetto «Pedibus» per raggiungere la scuola elementare «De Donato Giannini». Pedibus non è altro che un «autobus a piedi» che seguendo percorsi sicuri, non superiori ad un chilometro conduce i bambini-scolari dalle fermate predisposte o punti d’incontro, sino a scuola. Gli alunni sono presi in consegna ed accompagnati dai volontari dell’Associa - zione genitori turesi, che guidati dalla presidente Angela Cicerone hanno affiancato con entusiasmo l’idea dell’amministrazione e dell’assessorato all’ambiente e alla polizia municipale impegnata a perseguire politiche di mobilità sostenibile. 

Sono 4 gli itinerari da percorrere su altrettante linee, contraddistinte da colori diversi. Arancione per il capolinea di largo Pozzi; celeste per via A. Gramsci; giallo per via Noci/Fiore; verde per viale Regione Puglia. I pedi-viaggiatori sono presi in consegna ai capolinea, alle 8, da un genitore volontario, non devono superare le 20 unità e l’«autobus a piedi», si avvia raccogliendo altri bambini, in attesa lungo le fermate pre-segnalate da cartelli e dal giusto colore. Tutto, sotto l’occhio vigile della polizia urbana che presiede i punti nevralgici di accesso alla scuola. I piccoli viaggiatori sono riconoscibili per il giubbino fluorescente, per il carrellino porta zainetto e per la tessera-bus. Materiale, materiale consegnato loro dall’assessorato della polizia urbana. Durante il tragitto di andata e ritorno, i piccoli sono coperti da polizza scolastica mentre ad assicurare i loro accompagnatori ci ha pensato il Comune. 

Sono già in 40 i bambini che si sono iscritti al «Pedibus» mentre la loro sicurezza è garantita anche dalla zona a traffico limitato dell’area scolastica, attiva dalle 7.45 alle 8.45 e dalle 13 alle 14. L’assessore Teresita De Florio parla di «una piccola rivoluzione salutista» riferendosi al Pedibus che per l’amministrazione guidata dal sindaco Enzo Gigantelli, diventa «esempio concreto di come poter ridurre l’uso dell’auto, di come fare educazione ambientale e far socializzazione i bambini». 
Nella realizzazione del progetto, la De Florio ha goduto dell’appoggio concreto e incondizionato del dirigente scolastico Vincenzo Tardi, e di Tina Resta, consigliere comunale che ha affiancato l’assessore di maggioranza senza alcuna remore, mentre vero motore del «Pedibus» si è rivelato il comitato dei genitori. 

«Il pedibus è la risposta che l’amministrazione ha dato alle continue lamentele avanzate da cittadini per le troppe auto che si concentravano davanti le scuole», ha ricordato il comandante della polizia urbana Michele Cassano, per il quale l’attivazione della Ztl scolastica e il Pedibus, rappresentano «politiche concrete per la riduzione dell’inquinamento urbano e occasioni per fare educazione civica».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725