Domenica 14 Agosto 2022 | 12:13

In Puglia e Basilicata

Andria, sui muri appaiono manifesti volgari e la città protesta

19 Marzo 2009

ANDRIA (BARI) - Due poliziotti che perquisiscono due donne con modi violenti e volgari: è quello che viene raffigurato su manifesti tre metri per sei affissi sui muri di Andria e il 'Coordinamento comitati per Andria Città Sana' chiede al sindaco, Vincenzo Zaccaria che vengano rimossi. Sulle immagini pubblicitarie in questione sono stati messi dai cittadini alcuni cartelli con su scritto “Vergogna”, oppure “Questa è una istigazione alla violenza”. 

“Non discutiamo – scrivono i componenti del Comitato – della valenza artistica e tantomeno di quella del prodotto reclamizzato nei manifesti, discutiamo semplicemente della volgarità del messaggio rappresentato”. Dal dirigente comunale competente i componenti del Comitato affermano di aver appreso che i responsabili dell’azienda titolare dei manifesti hanno ricevuto una ingiunzione da parte del Comitato di Controllo dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria il 18 febbraio scorso. In tale ingiunzione si parla di “offesa alla dignità umana”, di “molestia sessuale”, di “lesione della dignità della persona”, di “violenza fisica o morale”. 

Gli stessi manifesti sono stati affissi nelle città di Napoli, Roma, Milano, Firenze, La Spezia, Padova nel mese di febbraio, suscitando molte reazioni e polemiche. “All’ondata di sdegno dei cittadini italiani sappiamo – si legge – che l’azienda ha risposto pubblicamente scusandosi. Intanto però i manifesti sono ancora in città”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725