Martedì 09 Agosto 2022 | 22:25

In Puglia e Basilicata

Materana simula rapina «Lui mi trascurava»

di EMILIO OLIVA
Una «bugia d'amore» pensata da una giovane donna per cercare di riconquistare l'interesse del marito si è trasformata in una denuncia per simulazione e procurato allarme
• Molfetta, coppietta si apparta e viene rapinata

17 Marzo 2009

di EMILIO OLIVA 

MATERA - Bugiarda per amore. Non si sentiva amata come avrebbe desiderato. O forse lui la lasciava troppo sola. Ma il piano escogitato per riconquistare le attenzioni del suo compagno ha avuto conseguenze impreviste, che le sono costate già una denuncia alla magistratura. È la vicenda di una donna di 26 anni che ha simulato di aver subito un’aggressione in casa a scopo di rapina. Il fatto è avvenuto l’altro ieri in un comune del Metapontino. Sono state le indagini svolte dai carabinieri della Compagnia di Pisticci a mettere spalle al muro la protagonista. Lei, il fallimento di un matrimonio alle spalle e una relazione sentimentale che si era un po’ raf freddata, ha pensato di rimettere le cose a posto con la storia della falsa rapina. La sua recita ha tratto in inganno il fidanzato, che l’ha accompagnata al pronto soccorso. Sul collo la donna presentava i segni di una escoriazione, simile ad un tentativo di strangolamento. Sull’episodio, però, hanno voluto vederci chiaro i carabinieri. 

Sono bastati i rilievi eseguiti nel corso di un sopralluogo nell’abitazione della donna per capire che nel suo racconto c’era qualcosa che non quadrava. Ma a far vacillare la sua versione dei fatti è stata la decisione di approfondire l’esame di alcune tracce di sangue che, secondo la donna, sarebbero state perse dall’aggressore durante una colluttazione. Erano invece le sue. Lei stessa si era provocata i segni sul collo per rendere più credibile la storia. Vistasi alle strette, non le è rimasto altro che confessare. «No, è stato tutto uno scherzo», si è difesa davanti ai carabinieri. E ha quindi spiegato di aver agito così per essere stata trascurata dal compagno. Ora la donna dovrà rispondere di simulazione di tentata rapina e procurato allarme.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725