Lunedì 22 Luglio 2019 | 05:12

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
La tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, auto della Finanza contro scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
nel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

Il processo bis

Omicidio Belfiore a Lucera
Confermati 20 anni al killer

La vittima fu uccisa per caso, il vero bersaglio del killer sfuggì all'agguato. Il processo di rinvio dalla Cassazione che aveva annullato l'assoluzione

Omicidio Belfiore a LuceraConfermati 20 anni al killer

RICCARDO ZINGARO

LUCERA - Quarto pronunciamento giudiziario per l’omicidio di Aldo Belfiore, con una nuova condanna per Nicola Capra,  l’autotrasportatore lucerino di 42 anni, accusato di aver ammazzato per sbaglio il 49enne nel pomeriggio del 7 agosto 2012. La Corte di appello di Bari ha confermato il giudizio di primo grado emesso a novembre 2013 dalla Corte di assise di Foggia che gli aveva inflitto venti anni di carcere. In realtà si tratta del secondo processo di secondo grado, perché al termine del primo, a febbraio 2016, era stato assolto, ma la Corte di cassazione aveva annullato la sentenza e rinviato il procedimento ad altra sezione che in effetti si è pronunciata mercoledì pomeriggio.

Prima della lettura del dispositivo è stato nuovamente ascoltato in aula anche Antonio Palmadessa, il 52enne testimone chiave di tutta la vicenda, sia perché presente sul luogo dell’omicidio, sia perché ritenuto il vero obiettivo delle fucilate. Per Capra, difeso dall’avvocato Raffaele Quarta, è stato applicato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, e secondo la procura fu proprio lui a fare irruzione in una masseria sulla strada per Troia dove esplose diversi colpi di fucile nei confronti del proprietario Palmadessa che in effetti rimase gravemente ferito. Tuttavia a farne le spese fu Belfiore che si trovava lì per caso, raggiunto da tre colpi mentre stava facendo compagnia al titolare della struttura che accudiva degli animali.

Palmadessa, dopo essersi ripreso da un intervento chirurgico all’addome, già in altre occasioni confermò quanto dichiarato, e cioè che il gesto sarebbe avvenuto per vendetta, poiché poco prima lui aveva aggredito Capra in un bar di via Montello, accusandolo di aver infastidito la figlia. Le telecamere di sorveglianza all’interno del locale ripresero l’alterco tra i due, con Palmadessa che prima passò alle vie di fatto e poi se ne andò nel suo podere poco distante. Sulla questione venne interessata anche una pattuglia dei carabinieri, per cui dopo l’agguato i militari si misero subito sulle tracce di Capra, memori di quanto era accaduto poco prima.

Due ore dopo, il ricercato si presentò spontaneamente alla caserma di via San Domenico, indossando abiti diversi da quelli che aveva in precedenza, ma non ha mai ammesso l’omicidio e l’arma non è stata mai ritrovata. La famiglia della vittima si è costituita ancora una volta parte civile, e attraverso il suo avvocato Michele Dell’Aquila ha espresso soddisfazione per il nuovo risvolto giudiziario, «perché era evidente che quel processo di appello non aveva fatto giustizia, visto che con l’assoluzione di Capra era stato stabilito che ci fosse un assassino ignoto ancora in giro». In effetti in quella occasione i difensori di Capra fornirono una ricostruzione del tutto diversa, ipotizzando che il vero obiettivo degli spari fosse proprio Belfiore e quindi che fosse stata un’altra persona a fare fuoco. La sentenza di assoluzione provocò anche l’immediata scarcerazione di Capra che era detenuto da due anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie