Domenica 21 Ottobre 2018 | 16:14

NEWS DALLA SEZIONE

Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni «Pestato da buttafuori...

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

isole tremiti

Appalto a vuoto
Per la 20^ volta

Per collegamento tra San Domino e San Nicola, nessuna azienda interessata

Appalto a vuotoPer la 20^ volta

Michele Apollonio

ISOLE TREMITI - E’ andata deserta la gara per l’appalto del servizio di collegamento marittimo di pubblico interesse per il trasporto di passeggeri e merci tra le isole di San Domino e San Nicola alle Tremiti. Deserta per l’ennesima volta: da parecchi anni, ormai sono venti, il Comune di Isole Tremiti bandisce la gara ma nessuno vi partecipa. Il Comune prende atto che nessuno ha risposto al bando, lo indice nuovamente ma rimane ancora deserto e quindi per assicurare il servizio lo riaffida allo stesso operatore che lo ha svolto l’anno precedente, che lo ha avuto in affidamento al termine della stessa procedura, che si è ripetuta pari pari l’anno precedente, e così via. Da anni, appunto.

Gli interrogativi che sovvengono non solo ai tremitesi, sono tanti. Che una gara d’appalto per un servizio pubblico debba farsi, pare ovvio ancorché finanziato con denaro pubblico: 50mila euro assicurati dalla Regione Puglia e dal Comune stesso. Il bando viene reso pubblico nella bacheca del comune di Apricena, capofila della centrale unica di committenza comprendente Isole Tremiti e Poggio Imperiale. Che non venga visto da eventuali interessati? Neanche da parte dell’operatore tremitese veterano del servizio stabilito che l’aggiudicazione verrà effettuata anche in presenza di una sola offerta? Probabilmente lo ritiene un passaggio superfluo tanto quella somma gli viene assicurata comunque. Somma destinata a coprire le sette corse giornaliere previste dal capitolato e che sono gratis per i residenti e dipendenti comunali, ma a pagamento per i turisti con bagaglio non superiore a 20 chili. Somma non ritenuta sufficiente?

Il collegamento tra le due isole maggiori dell’arcipelago diomedeo, si rende indispensabile per «unificare» due isole sulle quali si trovano servizi differenziati essenziali dal punto di vista amministrativo, sociale, economico e turistico. Da anni si insegue il sogno di un ponte che consentirebbe una maggiore e regolare integrazione fra due realtà complementari. Di idee e progetti ne sono stati avanzati diversi: un ponte oltre a razionalizzare il transito specie in inverno quando l’attraversamento in barca diventa pericoloso se non impossibile, aggiungerebbe una attrattiva originale già peraltro realizzata dai Borboni. Si tratta di vedere le cose in una prospettiva oggettiva e razionale. Ma alle Tremiti sono diverse le cose tralasciate da anni. Il «battello spazzamare, ad esempio, che il ministero dell’ambiente assegnò al parco del Gargano nel maggio 2005 per essere impiegato nella riserva marina di Tremiti, ma mai messo in opera: è rimasto parcheggiato a pagamento nei vari rimessaggi navali di Manfredonia, l’ultimo presso il porto turistico «Marina del Gargano».

E che dire del dissalatore? Le Isole Tremiti non hanno fonti autonome di acqua. Il fabbisogno dei residenti, turisti compresi in estate, viene assicurato mediante due navi cisterne che fanno la spola con Manfredonia, con quali costi a carico della Regione è facile immaginare. Anni addietro venne costruito su San Nicola un dissalatore, ma non è andato mai in funzione. Ora pare che lo trasformino in ristorante. Un nuovo dissalatore su San Domino lo sta progettando l’Acquedotto pugliese. E la corrente elettrica? Viene prodotta come cinquant’anni fa, da una centrale a gasolio che viene trasportato via mare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400