Sabato 20 Luglio 2019 | 15:34

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
HomeIl caso
Bari, mamma 35enne muore dopo bendaggio gastrico: voleva dimagrire

Bari, mamma 35enne muore dopo bendaggio gastrico: voleva dimagrire

 
Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 
Potenzaeconomia
Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

 
BrindisiDal 1 settembre
Ostuni dice stop alla plastica nei locali

Ostuni dice stop alla plastica nei locali

 
Foggianel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

città degradata

Il centro di Foggia senza identità
fra prostitute e stato d'abbandono

Fuga dei negozi, servizi carenti, sosta selvaggia, strade sporche

Il centro di Foggia senza identità  fra prostitute e stato d'abbandono

di Anna Langone

FOGGIA - Saracinesche abbassate, vetrine vuote e polverose, auto in doppia fila, cassonetti traboccanti di rifiuti, prostitute agli angoli di strada o appoggiate ai pali, dislocate in punti dove chi le controlla le possa tener d’occhio. Non è il quartiere a luci rosse di una grande città europea, non foss’altro perchè anche l’illuminazione qui è scarsa o inesistente . E’ l’abbandonato centro di Foggia, quel quartiere Ferrovia che non comprende soltanto la stazione, ma un viale che ha perso negli anni attrattiva, vivibilità, igiene, identità.

La punta d’iceberg è la prostituzione (che non è reato, al contrario dello sfruttamento), ma l’offerta di sesso a pagamento non è la migliore cartolina di una città. A Foggia viene esibita in tutte le ore del giorno e della notte, vicino ad asili, edifici religiosi, uffici pubblici, bar. Le «trattative» intralciano anche il traffico di un’arteria ampia come via Scillitani e alcune delle strade di collegamento tra viale XXIV Maggio e via Monte Sabotino. Dove non arrivano le auto parcheggiate alle interserzioni, complici le strisce blu disegnate male, a rallentare la circolazione c’è lo stop and go dei clienti delle passeggiatrici, per niente spaventati dalle multe pure salate istituite dal Comune.

Il contorno di questo spettacolo non può che essere altro degrado, fatto di insegne sempre meno numerose, negozi foggiani storici che gettano la spugna uno dopo l’altro, con locali (e in qualche caso anche la stessa attività) ceduti agli stranieri. Decine di commercianti cinesi, pakistani, marocchini, arabi che nei loro spacci, con orari più ampi delle rivendite tradizionali, offrono ormai di tutto, dagli alimentari alla telefonia, dall’abbigliamento alla bigiotteria, ma che propongono tutti gli stessi prodotti, spesso uno accanto all’altro, specchio dell’assenza di varietà merceologica che pure dovrebbe guidare il rilascio delle licenze. L’odore del kebab domina il reticolo di strade più vicine all’ormai intasatissima tangente settentrionale. E’ questa la zona, caratterizzata da strade con i nomi di città (via Trento, Trieste, Fiume....) dove vecchi palazzi sono stati gradualmente colonizzati da inquilini di tutte le etnie. Non più lenzuola e gerani ai balconi, soltanto lunghe e pesanti tende appoggiate sulle ringhiere proteggono la privacy di chi ci abita. Scomparso anche il profumo del ragù che ancora invade a tarda mattina molte strade della città. Un senso di spaesamento perenne ha preso il posto di quell’immagine di efficienza e che nasceva da negozi griffati e strade curate che, si stenta a crederlo, prevalevano fino a pochi anni fa nel quartiere.

A raccontare, almeno in parte, ciò che percepisce la gente, quel manifesto a lutto sulla morte di viale XXIV Maggio affisso da commercianti e residenti, un canto del cigno per il centro città che muore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie