Venerdì 19 Ottobre 2018 | 21:40

NEWS DALLA SEZIONE

Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
A Foggia
L'ambulanza è in ritardo nei soccorsi e il medico viene aggredito dalla folla

L'ambulanza è in ritardo e la dottoressa del 118 viene ...

 
Il caso
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

la società civile in piazza

Foggia, raccolta firme
per istituire la Dia

Foggia, raccolta firme  per istituire la Dia

FOGGIA - Si muovono anche i cittadini per l’istituzione a Foggia della Dia. L'associazione "Populus-Democrazia Partecipativa e Deliberativa" ed il contenitore mediatico di partecipazione popolare per una cittadinanza attiva "DauniAttiva" stanno portando avanti sul territorio provinciale un progetto di raccolta firme per chiedere l'istituzione, presso la Procura del Tribunale di Foggia, di una sezione operativa distaccata della Direzione Investigativa Antimafia.

«Siamo partiti da Monte Sant'Angelo per la presentazione del progetto, avvenuta presso la "Sala Conferenze Biblioteca Comunale". Si è scelto di partire da Monte Sant'angelo in quanto comune il cui Consiglio Comunale risulta oggi sciolto per infiltrazioni mafiose. Scopo finale dell'iniziativa è la richiesta al Ministero dell'Interno, quale unico organo competente in materia, dell'istituzione a Foggia di una sezione operativa distaccata della Direzione investigativa antimafia di Bari», spiega il presidente dell’associazione Populus, l’avvocato Marcello Mariella.

«Il progetto prevede una costante attività d'informazione sul territorio atta alla sensibilizzazione e alla raccolta firme. Si ritiene fondamentale, per il ripristino della legalità in Capitanata, il coinvolgimento delle cittadinanze sul problema "mafia". Tra le soluzioni non solo possibili, ma sicuramente auspicabili, c'è uno strumento operativo preventivo e specifico di controllo del territorio per le indagini sull'attività mafiosa che è la Direzione Investigativa Antimafia, della quale, pertanto, si chiede l'istituzione di una sezione operativa distaccata per la provincia di Foggia», dice Mariella che aggiunge: «Il progetto si articola su due livelli. Il primo, istituzionale, vede e vuole coinvolte tutte le realtà, sia pubbliche che private, che combattono i sistemi mafiosi e che saranno chiamate agli incontri monotematici da svolgersi sul territorio. Si è partiti con quello d'apertura e presentazione del progetto di Monte Sant'Angelo, sono previsti altri incontri monotematici a Manfredonia, San Severo, Lucera, San Marco in Lamis e Cagnano Varano. Quello conclusivo è previsto per la fine della prossima primavera, da tenersi a Foggia, la città capoluogo, dove, da parte dei soggetti promotori dell'iniziativa "Populus-Democrazia Partecipativa e Deliberativa" e "DauniAttiva", ci sarà la consegna pubblica delle firme raccolte, al momento tra le 1.500 e le 2.000, ai membri delle prime commissioni parlamentari di Camera e Senato, perché possano farsi portatori dell'iniziativa direttamente al Ministro degli Interni. Il secondo livello del progetto si sta realizzando con l'attività quotidiana da parte dei cittadini attivi di raccolta delle firme a sostegno della richiesta, e, sulle piazze e strade daune, dove interi gruppi di cittadini hanno aderito all'iniziativa, con la raccolta firme ai "Gazebo Attivo"». Nei giorni scorsi il senatore Lucio Tarquinio aveva chiesto un segnale forte dal Governo dopo gli episodi criminali in Capitanata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400