Venerdì 19 Luglio 2019 | 20:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Foggia, quelle «case delle fate» dove esercitavano le prostitute pagando l'affitto... ai frati

Foggia, quelle «case delle fate» dove esercitavano le prostitute pagando l'affitto... ai frati
FOGGIA - Nel 1818 l’intendente della Capitanata acquisì da tutti i sindaci della provincia «le mappe delle meretrici», per controllare più efficacemente l’espansione dell’attività di queste «donne sventurate«, e tra le carte del fondo di Polizia dell’Archivio di Stato di Foggia si conservano numerose denunce alla gendarmeria da parte di semplici cittadini sulla vita scandalosa «della meretrice denominata Mamilia» ed altre sue colleghe. Non mancano anche le denunce di prelati, come l’arciprete don Michele Vella, che inviò un ricorso affinché si intervenisse per porre fine allo «scandaloso comportamento di due vedove», che si erano date al meretricio.

L’abate Manicone, nel suo volume pubblicato nei primi anni dell’Ottocento,«La fisica appula », parlando di Foggia scrive che «Le donne pubbliche, che sono qui confinate in uno stretto vicolo detto Pontescuro, sono forestiere, una o due sono foggiane… ma la deboscia di queste è l’effetto della miseria».
Non conosciamo l’ubicazione del misero vicolo: la voce popolare lo indica nella caratteristica via Liceo, che si raggiunge da via Manzoni, con un’erta scalinata. Via Liceo prende nome dalla sede, nelle vicinanze e fino all’800, del Liceo dei Padri Scolopi, locali che ospitano oggi del Conservatorio musicale; essa è caratterizzata dalla presenza di una serie di piccole ed antiche casette che contribuiscono non poco a concederle un aspetto alquanto suggestivo.

Queste piccole abitazioni vengono indicate dalla tradizione popolare come le «case delle fate»; oggi molte di esse sono ormai disabitate e qualcuno giura di aver visto al tramonto dei guizzi di luce sulle finestre. Riflessi degli ultimi raggi del sole? Magia del luogo... La suggestione non ha limiti ed ha assegnato a questi sprazzi di luce la presenza di queste luminose fate che abitano il vicolo da tanti secoli per proteggerne gli abitanti.
Questa tradizione popolare ha pure una versione meno fantasiosa, collegata ad antichi documenti, che assegna a queste luci accanto alle finestre delle piccole abitazioni gli inequivocabili segnali di disponibilità di alcune «lucciole», meretrici che esercitavano il mestiere più antico della terra in questa stradina. E la storia ci viene in aiuto: il vicino Collegio dei Padri Scolopi fu, fino alla fine del Settecento, la sede di convento dei padri Teatini dedicato a San Gaetano, sorto nelle immediate vicinanze del Piano della Croce, luogo di locande e taverne, deputato da secoli agli scambi commerciali e frequentato da prostitute, la cui presenza è attestata da documenti conservati a Roma presso l’archivio centrale dei Padri Teatini, in cui, con un certo rammarico ed imbarazzo, i superiori rimproveravano i confratelli del convento di Foggia, perchè avevano affittato alle prostitute della città alcuni locali situati nelle strade attigue al loro convento. I padri Teatini residenti in città città risposero giustificandosi che per le rendite del loro convento non vi erano affittuari più puntuali delle prostitute nel pagare il canone dei locali di proprietà del monastero. [Carmine de Leo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie