Martedì 21 Maggio 2019 | 00:26

NEWS DALLA SEZIONE

La visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
La tradizione
Trecento bovini dalla Puglia al Molise: ecco la transumanza

Trecento bovini dalla Puglia al Molise: ecco la transumanza

 
Indaga la polizia
Foggia, colpi di pistola contro portone, forse dopo lite

Foggia, colpi di pistola contro portone, forse dopo lite

 
Nel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Nel foggiano
Cagnano Varano, cc ferito dimesso: «Tornerò a lavorare in ricordo collega ucciso»

Cagnano Varano, dimesso collega carabiniere ucciso: «Tornerò a lavorare»

 
In autostrada
Foggia, polstrada sequestra 200 ricci nascosti in auto: denunciato conducente, senza patente

Foggia, 200 ricci nascosti in auto: polizia li sequestra, una denuncia

 
L'episodio
Lucera, incendio distrugge auto di carabiniere

Lucera, incendio distrugge auto di carabiniere

 
Malasanità
Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
CONTRATTO SVILUPPO
Foggia, Si svuota il portafoglio del «Cis»

Foggia, si svuota il portafoglio del «Cis»

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

«Storie di Foggia» E al Giro il campione trovò lo stadio chiuso

«Storie di Foggia» E al Giro il campione trovò lo stadio chiuso
FOGGIA - Quando il Giro d’Italia trovò il traguardo sbarrato a Foggia. La più importante manifestazione ciclistica della nostra penisola, il Giro d’Italia, fece più volte tappa a Foggia, come nel lontano 1926, quando i ciclisti partirono poi per Sulmona, ripercorrendo l’antico tragitto delle greggi transumanti che, proprio in primavera, tornavano dalla pianura dauna verso i monti dell’Abruzzo, tappa vinta dal grande Alfredo Binda, che vinse ancora nella tappa a Foggia, nel 1928, nel 1929 e nel 1933.

Nel 1932, un singolare episodio caratterizzò l’arrivo a Foggia del Giro d’Italia. Quell’anno, per la prima volta, la radio seguì il Giro in tutte le sue tappe lungo la penisola Italiana, con radiocronache sulle imprese dei ciclisti. Fra i partecipanti, in quell’anno vi furono anche numerosi ciclisti stranieri, come francesi, belgi e tedeschi ed il Giro iniziò ad assumere un carattere internazionale.
Proprio uno straniero, il tedesco Hermann Buse, prima della tappa di Foggia, deteneva la maglia rosa con ben oltre dieci minuti di vantaggio sul primo dei suoi inseguitori. Ma nella non breve tappa da Lanciano a Foggia, ancora lungo il percorso delle greggi transumanti, ecco che Buse fora ben cinque volte di seguito. Sabotaggio o sfortuna?

Fatto sta che la tappa di Foggia viene poi vinta da un gregario, il bergamasco Antonio Pesenti, dopo una lunghissima fuga solitaria durata circa nove ore, che gli fa accumulare un notevole vantaggio. Proprio lo straordinario vantaggio di Pesenti, non previsto dagli organizzatori del Giro, sarà la causa di un singolare episodio. Questo bravo corridore infatti arrivò molto prima dell’orario previsto dalla tabella di marcia della tappa e, raggiunto lo stadio di Foggia, dove era stato posizionato il traguardo dell’arrivo di tappa, lo trovò con le porte ancora chiuse. Gli organizzatori rimediarono subito all’inconveniente ed il nostro Pesenti tagliò il traguardo nello stadio di Foggia quasi tutto deserto.

Al Giro del 1932 parteciparono tutti i campioni dell’epoca: Binda, Guerra ed anche il vecchio, si fa per dire (39 anni) Girardengo. Della stessa squadra del grande Binda, il bergamasco Pesenti, che a Foggia, oltre alla vittoria di tappa, conquisterà anche la maglia rosa. Antonio Pesenti riuscirà a difendere la maglia rosa fino alla fine del Giro e conquistare quell’anno il tanto agognato primato della più prestigiosa corsa ciclistica d’Italia, nonostante i numerosi tentativi di toglierli la maglia del primato messi più volte in campo dai colleghi stranieri, soprattutto dai ciclisti belgi. [Carmine de Leo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400