Mercoledì 17 Luglio 2019 | 19:06

NEWS DALLA SEZIONE

Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 
Indagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 

Il Biancorosso

Oggi amichevole con la FiorentinaCornacchini darà spazio a tutti

Oggi amichevole con la Fiorentina, Cornacchini darà spazio a tutti

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl progetto
Potenza, l'idea del sindaco: «Da oggi saremo una città in fiore»

Potenza, l'idea del sindaco: «Da oggi saremo una città in fiore»

 
GdM.TVLa manifestazione
Save the Children per «Bari social summer»: un’estate «SottoSopra»

Save the Children per «Bari social summer»: un’estate «SottoSopra»

 
FoggiaFemminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

 
LecceIn Salento
Lotta al caporalato, in arrivo una cabina di regia in Prefettura a Lecce

Lotta al caporalato, in arrivo una cabina di regia in Prefettura a Lecce

 
BatSicurezza e piano traffico
Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

 
TarantoCresce l'attesa
Manduria, tartaruga deposita 100 uova in spiaggia

Manduria, tartaruga deposita 100 uova in spiaggia

 
BrindisiNel brindisino
Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

 
Materadalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 

i più letti

«I ragazzi disabili senza il diritto ad andare a scuola»

BARI – Tempi della giustizia troppo lunghi per i diritti dei disabili: la denuncia arriva dalle mamme dell’Associazione Superamento Handicap di Cerignola (Foggia). Due famiglie con ragazzi disabili si erano rivolte al Tar della Puglia per far valere il diritto all'istruzione dei figli ma i giudici si sono dichiarati incompetenti sulla materia e hanno rimettesso il giudizio nelle mani del Tribunale Civile
«I ragazzi disabili senza il diritto ad andare a scuola»
BARI – Tempi della giustizia troppo lunghi per i diritti dei disabili: la denuncia arriva dalle mamme dell’Associazione Superamento Handicap di Cerignola (Foggia), dopo un ricorso fatto contro la Provincia di Foggia da due famiglie con figli disabili per far valere il diritto all’integrazione scolastica attraverso l’assistenza all’ autonomia e comunicazione ad personam, prevista per legge. Con una sentenza del febbraio scorso, a quattro mesi dal ricorso, i giudici del Tar Puglia "hanno preferito la strada dei formalismi e delle questioni teoriche" spiegano dall’associazione, dichiarandosi incompetenti sulla materia e rimettendo il giudizio nelle mani del Tribunale Civile.

"Questa decisione preoccupa – dice Marilena Dagnese, vicepresidente dell’associazione di Cerignola e madre di due ragazzi disabili – perchè con il giudizio civile i tempi si allungano e le spese aumentano. Secondo il Tar, quindi, - continua – un disabile che oggi voglia far valere il proprio diritto all’integrazione scolastica, dovrà rivolgersi al più lento giudice civile, e soprattutto, dovrà anticipare le spese di giudizio ma non tutti possono permetterselo".

La vicenda giudiziaria inizia ad ottobre 2014. Uno dei figli della signora Dagnese, Niccolò, un ragazzo con gravi disabilità motorie, inizia il primo anno di scuola secondaria di secondo grado. Fino al ciclo di studi precedente, il Comune gli aveva garantito quel tipo di assistenza. "Questo ha consentito a mio figlio – dice la mamma – di portare a termine con successo gli studi. Per Niccolò si è reso necessario un percorso didattico cucito su misura per lui: così grazie al supporto di ausili didattici e informatici che gli hanno permesso di studiare come gli altri, senza diversità di trattamento nel sostenere le prove di verifica e le interrogazioni, ha ottenuto la licenzia media con voto di 10 e lode e a dicembre è stato anche ricevuto a Palazzo Chigi, nella 'Giornata Internazionale delle Persone con Disabilita”, dal presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini".

Con l’inizio della scuola superiore la Provincia non gli riconosce da subito il diritto all’assistenza specializzata, nonostante la richiesta inoltrata mesi prima. Fino a febbraio, in attesa della decisione del Tar, la famiglia è costretta a sobbarcarsi le spese di un’assistente per Niccolò. La sentenza dei giudici amministrativi, che di fatto non risolve la situazione rinviando ogni decisione al Tribunale Civile, arriva a febbraio, quasi in contemporanea con il provvedimento della Provincia di Foggia che riconosce l’assistenza ad personam per il ragazzo per la durata di 10 settimane. "Troppo tardi e per troppo poco tempo" dice la mamma, che lancia un appello al Governo.
"A dicembre, a Palazzo Chigi – spiega la signora Dagnese – stringevano tutti la mano a mio figlio. Adesso che devono tutelare i suoi diritti e quelli di tanti altri ragazzi disabili, dove sono?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie