Lunedì 22 Luglio 2019 | 05:36

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
La tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, auto della Finanza contro scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
nel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

Operai onesti a Trenitalia «Ci vergogniamo per i nostri colleghi»

FOGGIA - «Ci vergogniamo dei nostri colleghi che perdono tempo invece di lavorare». Così gli “operai onesti della Omc di Foggia” esprimono in una lettera il proprio disappunto per quanto dicono di vedere ogni giorno sul luogo di lavoro senza poter fare nulla. «I capi lo sanno, ma non fanno niente. Anzi fanno i forti con gli onesti e le pecore con gli “amici foggiani”», scrivono. Risposta di Trenitalia: «non ci risulta»
Operai onesti a Trenitalia «Ci vergogniamo per i nostri colleghi»
FOGGIA - «Ci vergogniamo dei nostri colleghi che perdono tempo invece di lavorare». Così gli “operai onesti della Omc di Foggia” esprimono in una lettera il proprio disappunto per quanto dicono di vedere ogni giorno sul luogo di lavoro senza poter fare nulla. «I capi lo sanno, ma non fanno niente. Anzi fanno i forti con gli onesti e le pecore con gli “amici foggiani”», scrivono.

Abbiamo contattato Trenitalia che ci ha fornito questa risposta: «Disponiamo di strumenti di controllo autonomi che ci consentono di individuare eventuali inadempienze e abusi da parte dei dipendenti. Al momento – riferisce l’ufficio stampa regionale di Trenitalia – non si risultano elementi a suffragio delle anomalie descritte nella lettera anonima. Qualora dovessero essere accertate l’azienda è subito pronta a intervenire».

Gli “operai onesti” non si firmano, ma parlano in questi termini di una realtà che occupa circa quattrocento dipendenti, fiore all’occhiel lo della produzione ferroviaria nel paese e considerata all’esterno un orgoglio della città di Foggia. L’Officina manutenzione ciclica di viale Fortore è luogo di eccellenza del gruppo Trenitalia, qui avviene la manutenzione dei treni regionali che viaggiano su tutte le linee italiane. Abbiamo pertanto tentennato parecchio prima di pubblicare uno scritto che potrebbe essere stato inviato da chiunque.
La lettera non mira però a diffamare qualcuno, si limita a descrivere una serie di furberie e raggiri da parte di un certo numero di dipendenti forse riscontrabili in qualsiasi luogo di lavoro. L’intento di questa pubblicazione è dunque solo quello di contribuire a denunciare eventuali malvezzi, ad “aprire gli occhi” a chi (eventualmente) dovrebbe aprirli.

La denuncia è stata inviata anche all’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Michele Elia e alla responsabile della gestione del personale del gruppo Fs, Veronica Chiodini, ai Carabinieri del comando provinciale di Foggia e alla Questura. «Ogni giorno – scrivono – ci tocca vedere l’arrivo dei furbi che si fanno marcare il tesserino magnetico da altri furbi arrivati prima. Sentiamo spesso notizie di persone che vengono beccate per non aver fatto il proprio dovere, ma qui non succede niente. Tutti se ne infischiano e pensano che, avendo il posto statale, nessuno ci potrà mai cacciare. Alcuni di questi lavoratori passano le giornate andando a prendere il caffè alla macchinetta più lontana, oppure stanno fuori in giardino al cellulare o al sole: questi sono quelli degli uffici. Gli operai come noi invece si siedono di fronte alla macchina del caffè e parlano per tanto tempo che noi, colleghi di lavoro, ci vergogniamo per quello che fanno. I capi li vedono, ma non dicono niente. Ci sono telecamere in tutta l’officina, ma si fa i ciechi così tutto scorre liscio. A noi invece ci tocca lavorare, altrimenti sono guai e rimproveri, se andiamo prima a fare la doccia ci viene fatto subito il “rapporto disciplinare”».

«Gli addetti alla portineria – scrivono gli “operai onesti” – dovrebbero stare in due al mattino sin dalle ore 6. Ma capita in alcuni turni di trovare un solo addetto che marca per tutti e due, così l’altro quando arriva da il cambio al collega che se ne può andare prima. Così uno può alzarsi tardi e venire con comodo, l’altro se ne va alle 9.30-10 e andare a fare i fatti suoi tanto sa che potrà non tornare perché il collega all’uscita gli marca il tesserino. Basterebbe guardare le registrazioni delle telecamere all’ingresso per capire la verità. Ci sono poi alcuni degli uffici che arrivano alle 6.30 del mattino (chissà perché visto che l’orario di inizio è alle 7.30). Anche questi marcano i tesserini ad altri colleghi che vediamo arrivare con comodo più tardi. I portieri li vedono, ma non dicono niente visto che anche loro sono in difetto. Siamo nauseati da tutto questo – concludono i lavoratori nella denuncia – serve un esempio forte così avremo meno straordinario e più produzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie