Mercoledì 17 Ottobre 2018 | 15:39

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Estorsione in carcere arrestate la moglie e la sorella di un boss

TRANI - Una curiosa estorsione è stata scoperta dai carabinieri della Compagnia di Molfetta che hanno arrestato la moglie e la sorella di un boss di San Severo (Foggia), detenuto nel carcere di Trani. A portare alla luce la vicenda la denuncia della figlia di un uomo di 60 anni, compagno di cella del boss, minacciato di morte qualora non avesse fatto consegnare alle due donne 2.500 euro. ​Alla consegna, però, fissata al casello autostradale di Molfetta, si sono presentati i carabinieri
Estorsione in carcere arrestate la moglie e la sorella di un boss
MOLFETTA (Bari) – Il racket delle estorsioni non si ferma neppure dinanzi alle sbarre del carcere. E' accaduto a Trani dove un boss di San S. Severo (Foggia), Giuseppe Iacobazzi, di 35 anni, ha chiesto il pizzo da 2.500 euro ad un suo compagno di cella. Incaricate della riscossione, fuori delle mura del carcere, sua moglie e sua sorella che sono state però arrestate dai carabinieri poco dopo avere intascato i soldi dalla figlia dell’uomo.

La vittima dell’estorsione è un uomo di 60 anni che è in prigione per atti persecutori nei confronti della moglie e ha piccoli precedenti. Il suo compagno di cella è invece un personaggio di grosso calibro della malavita sanseverina. Si trova in carcere per reati vari, tra cui estorsioni e un tentativo di omicidio. Per convincere il suo compagno a pagare lo ha minacciato di morte. Intimorito, l’uomo alla fine ha ceduto e ha chiesto a sua figlia di occuparsi di reperire i soldi. Gli accordi su come e dove fare il versamento sono stati presi nei colloqui settimanali che i due carcerati avevano con le rispettive famiglie.

Le due donne incaricate della riscossione, Daniela Seccia, di 33 anni, moglie del boss, e la sorella Natalina Iacobazzi, di 31, hanno chiesto alla figlia dell’altro uomo di incontrarsi al casello di Molfetta dell’A14. Ma la figlia del sessantenne ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri. Così i militari sono andati nel luogo concordato per il pagamento e hanno registrato anche le conversazioni tra le tre donne. Da queste emerge che inutili sono stati i tentativi della vittima di ridurre la cifra da versare. I soldi, hanno tagliato corto le parenti del boss, dovevano servire a pagare l’avvocato difensore, quindi, non si potevano ridurre.

Non appena le donne hanno intascato il denaro, i militari sono intervenuti per arrestarle. Anche loro hanno già precedenti penali ed erano sottoposte alla misura dell’obbligo di firma. Ora sono in carcere con l’accusa di estorsione in concorso con il boss già in cella.
Su richiesta della procura di Trani, l’arresto è già stato convalidato dal gip. Il sessantenne vittima del boss è stato trasferito in un altro carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

 
L'ambulanza è in ritardo nei soccorsi e il medico viene aggredito dalla folla

L'ambulanza è in ritardo e la dottoressa del 118 viene schiaffeggiata dalla folla

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Chiavi della città di San Severo a ex ministro Minniti

Chiavi della città di San Severo a ex ministro Minniti

 
Foggia, un operatore aiuterà bimbo disabile escluso dalla mensa

Foggia, operatore aiuterà bimbo disabile escluso da mensa a scuola

 
Scontro auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

Scontro tra auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

 
Migranti, per la Lega pugliese il Cara di Borgo Mezzanone va raso al suolo

Migranti, Lega pugliese: Cara di Borgo Mezzanone «va raso al suolo»

 

GDM.TV

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 

PHOTONEWS