Venerdì 19 Luglio 2019 | 21:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Vieste, pescatore ucciso arrestato il cognato

VIESTE – I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno arrestato il presunto omicida del pescatore Antonio Di Mauro, di 39 anni, ucciso con un colpo di fucile ieri mattina nelle acque dell’Isola della Chianca, tra Vieste e Peschici, mentre era a bordo della sua barca. Si tratta di Riccardo Bramante, di 37 anni, di Vieste, cognato della vittima, il quale è accusato anche di aver occultato il cadavere gettandolo in mare
LA CRONACA DI IERI
Vieste, pescatore ucciso arrestato il cognato
VIESTE (FOGGIA) – I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno arrestato il presunto omicida del pescatore Antonio Di Mauro, di 39 anni, ucciso con un colpo di fucile ieri mattina nelle acque dell’Isola della Chianca, tra Vieste e Peschici, mentre era a bordo della sua barca. Si tratta di Riccardo Bramante, di 37 anni, di Vieste, cognato della vittima, il quale è accusato anche di aver occultato il cadavere gettandolo in mare. Interrogato per tutta la notte scorsa, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. 

Il corpo del pescatore ucciso non è stato ancora trovato. Le ricerche sono rese difficoltose anche dal fatto che la vittima, al momento dell’omicidio, indossava una sorta di tuta-scafandro che ne appesantisce il corpo e probabilmente lo tiene in fondo al mare.

Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Foggia, poco dopo le 10 di ieri un giovane pescatore si è presentato alla Tenenza dei carabinieri dicendo di essere stato testimone di un omicidio. Il giovane, impaurito e in forte stato di agitazione, ha riferito che qualche ora prima, mentre si trovava a pesca al largo di Vieste insieme all’amico Antonio Di Mauro, si era avvicinata un’altra imbarcazione con a bordo un uomo, Riccardo Bramante, che, dopo avergli chiesto informazioni sulle sue reti, si era allontanato, tornando dopo circa mezz'ora.

La seconda volta, però, l’uomo si sarebbe accostato alla loro imbarcazione, legando con una corda le due barche e impugnando un fucile da caccia nascosto nella barca. Dopo aver intimato al testimone di abbassarsi, Bramante avrebbe sparato una fucilata centrando al torace Di Mauro, che sarebbe caduto esanime sul fondo della barca. A questo punto il presunto assassino avrebbe ordinato al testimone di gettare in mare il cadavere e, al suo rifiuto, sarebbe salito sulla sua imbarcazione scaricando il corpo di Di Mauro in mare e allontanandosi.

 Dopo la denuncia i carabinieri hanno rintracciato Bramante in un bar del centro di Vieste, avviando gli accertamenti sulle dichiarazioni del giovane testimone e le ricerche in mare del corpo del pescatore. A bordo dell’imbarcazione del pescatore ucciso i carabinieri hanno trovato una pozza di liquido, che dalle analisi della sezione Investigazioni scientifiche dei carabinieri è risultato sangue, mentre nascosto nelle reti da pesca dell’imbarcazione di Bramante c'era un fucile da caccia calibro 12 che sarebbe stato usato per compiere il delitto.

Non sono ancora chiari i motivi alla base dell’omicidio. Potrebbe trattarsi, secondo gli investigatori, di una antipatia che si trascinava da tempo, sfociata in rancori, da parte di Bramante nei confronti della vittima che, tra l’altro, da diversi anni era il compagno della sorella di Bramante, dalla cui relazione era nato un bimbo che ora ha otto anni. Il fatto che sia Bramante sia Di Mauro abbiano precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, fanno sapere gli investigatori, potrebbe anche far ipotizzare contrasti per motivi di droga, ma "non ci sono dati oggettivi che possano avvalorare questa ipotesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie