Giovedì 02 Luglio 2020 | 23:10

NEWS DALLA SEZIONE

estorsioni in campagna
San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

 
Ambiente
Una manta spiaggiata sulla costa a Vieste

Vieste, una manta gigante spiaggiata morta sulla costa

 
Rilasciato in mare
Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

 
Il caso
Caporalato nel Foggiano, Bellanova: «Chi ostacola emersione è complice»

Caporalato nel Foggiano, Bellanova: «Chi ostacola emersione è complice»

 
lieto fine
Bimba morsa da pipistrello a Livorno: curata a distanza da Centro Antiveleni Policlinico Foggia

Bimba morsa da pipistrello a Livorno: curata a distanza da Policlinico Foggia

 
in periferia
Foggia, uomo trovato senza vita in un'auto: indagano i carabinieri

Foggia, uomo trovato senza vita in un'auto: indagano i carabinieri

 
operazione dei cc
Foggia, i braccianti lavoravano anche per 3 euro all'ora: arrestato imprenditore

Foggia, i braccianti lavoravano anche per 3 euro all'ora: arrestato imprenditore, fatturava 6mln l'anno

 
Turismo
Pietramontecorvino, il “Guardian”: per le vacanze post-Covid. Mete ideali due centri dei Monti Dauni

Per il «Guardian» due paesi dei Monti Dauni sono garanzia di vacanze sicure

 
sanità
Foggia, al via seconda fase screening sierologico dipendenti Policlinico Riuniti

Foggia, al via seconda fase screening sierologico dipendenti Policlinico Riuniti

 
fase 3
San Giovanni Rotondo, soggiorni gratis per operatori sanitari Covid

San Giovanni Rotondo, soggiorni gratis per operatori sanitari Covid

 
l'episodio
Foggia, aggredisce e palpeggia 20enne per strada: arrestato

Foggia, aggredisce e palpeggia 20enne per strada: arrestato

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'evento
Premiati i vincitori delle Olimpiadi di robotica: tra loro anche una scuola di Bari

Premiati i vincitori delle Olimpiadi di robotica: tra loro anche una scuola di Bari

 
PotenzaAmbiente
Basilicata, da domani 3 tappe di Goletta verde di Legambiente

Basilicata, da domani 3 tappe di Goletta verde di Legambiente

 
Batil sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
BrindisiAmbiente
Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

 
LecceTurismo Vip
ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

 
MateraLe tradizioni religiose
Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro

Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro FOTO

 
Foggiaestorsioni in campagna
San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

 

i più letti

Vieste, pescatore ucciso arrestato il cognato

VIESTE – I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno arrestato il presunto omicida del pescatore Antonio Di Mauro, di 39 anni, ucciso con un colpo di fucile ieri mattina nelle acque dell’Isola della Chianca, tra Vieste e Peschici, mentre era a bordo della sua barca. Si tratta di Riccardo Bramante, di 37 anni, di Vieste, cognato della vittima, il quale è accusato anche di aver occultato il cadavere gettandolo in mare
LA CRONACA DI IERI
Vieste, pescatore ucciso arrestato il cognato
VIESTE (FOGGIA) – I carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno arrestato il presunto omicida del pescatore Antonio Di Mauro, di 39 anni, ucciso con un colpo di fucile ieri mattina nelle acque dell’Isola della Chianca, tra Vieste e Peschici, mentre era a bordo della sua barca. Si tratta di Riccardo Bramante, di 37 anni, di Vieste, cognato della vittima, il quale è accusato anche di aver occultato il cadavere gettandolo in mare. Interrogato per tutta la notte scorsa, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. 

Il corpo del pescatore ucciso non è stato ancora trovato. Le ricerche sono rese difficoltose anche dal fatto che la vittima, al momento dell’omicidio, indossava una sorta di tuta-scafandro che ne appesantisce il corpo e probabilmente lo tiene in fondo al mare.

Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Foggia, poco dopo le 10 di ieri un giovane pescatore si è presentato alla Tenenza dei carabinieri dicendo di essere stato testimone di un omicidio. Il giovane, impaurito e in forte stato di agitazione, ha riferito che qualche ora prima, mentre si trovava a pesca al largo di Vieste insieme all’amico Antonio Di Mauro, si era avvicinata un’altra imbarcazione con a bordo un uomo, Riccardo Bramante, che, dopo avergli chiesto informazioni sulle sue reti, si era allontanato, tornando dopo circa mezz'ora.

La seconda volta, però, l’uomo si sarebbe accostato alla loro imbarcazione, legando con una corda le due barche e impugnando un fucile da caccia nascosto nella barca. Dopo aver intimato al testimone di abbassarsi, Bramante avrebbe sparato una fucilata centrando al torace Di Mauro, che sarebbe caduto esanime sul fondo della barca. A questo punto il presunto assassino avrebbe ordinato al testimone di gettare in mare il cadavere e, al suo rifiuto, sarebbe salito sulla sua imbarcazione scaricando il corpo di Di Mauro in mare e allontanandosi.

 Dopo la denuncia i carabinieri hanno rintracciato Bramante in un bar del centro di Vieste, avviando gli accertamenti sulle dichiarazioni del giovane testimone e le ricerche in mare del corpo del pescatore. A bordo dell’imbarcazione del pescatore ucciso i carabinieri hanno trovato una pozza di liquido, che dalle analisi della sezione Investigazioni scientifiche dei carabinieri è risultato sangue, mentre nascosto nelle reti da pesca dell’imbarcazione di Bramante c'era un fucile da caccia calibro 12 che sarebbe stato usato per compiere il delitto.

Non sono ancora chiari i motivi alla base dell’omicidio. Potrebbe trattarsi, secondo gli investigatori, di una antipatia che si trascinava da tempo, sfociata in rancori, da parte di Bramante nei confronti della vittima che, tra l’altro, da diversi anni era il compagno della sorella di Bramante, dalla cui relazione era nato un bimbo che ora ha otto anni. Il fatto che sia Bramante sia Di Mauro abbiano precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, fanno sapere gli investigatori, potrebbe anche far ipotizzare contrasti per motivi di droga, ma "non ci sono dati oggettivi che possano avvalorare questa ipotesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie