Lunedì 15 Luglio 2019 | 23:54

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 
il salvataggio
Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

 
Lavoro in campagna
Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

 
Tentata rapina
Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

 
Il rogo
Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

 
Il caso
Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

 
Maltempo
Terza tromba d'aria sul Gargano nel giro di 7 giorni: alberi spezzati e tetti divelti

Terza tromba d'aria sul Gargano nel giro di 7 giorni: alberi spezzati e tetti divelti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
LeccePer una manciata di voti
Università del Salento, eletto il nuovo rettore: è Fabio Pollice

Università del Salento, eletto il nuovo rettore: è Fabio Pollice

 
TarantoLa lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
BariNella zona industriale
Bari, rapinano Banca Popolare di Bari: pistole in faccia ai dipendenti

Bari, rapinano Banca Popolare in via Zippitelli: pistole in faccia ai dipendenti

 
PotenzaIl caso
Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

 
MateraIl caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 
BatArte in cucina
Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

 

i più letti

Foggia e i depuratori Sì ma non... troppo

FOGGIA - Otto depuratori ispezionati e 9 multe per aver violato le norme ambientali, con le situazioni più critiche e inquinanti registrate sulla riviera sud alla foce del torrente Candelaro. La «fotografia» dei depuratori pubblici e privati è stata scattata da Guardia costiera e carabinieri. Particolari criticità sono state evidenziate a carico di alcuni depuratori privati esistenti lungo la riviera sud antistanti la foce del torrente Candelaro
Foggia e i depuratori Sì ma non... troppo
FOGGIA - Otto depuratori ispezionati e 9 multe per aver violato le norme ambientali, con le situazioni più critiche e inquinanti registrate sulla riviera sud alla foce del torrente Candelaro. La «fotografia» dei depuratori pubblici e privati è stata scattata da Guardia costiera e carabinieri nell’ambito di controlli congiunti, di cui ieri mattina ufficiali dell’Arma e della Capitaneria di porto di Manfredonia hanno dato notizia nella conferenza stampa svoltasi a Foggia presso la caserma «Guglielmi».
Dall’inizio dell’anno «è stata effettuata un’incessante attività di controllo dei depuratori dei comuni di tutta la provincia, con l’ausilio dei tecnici Arpa» (agenzia regionale protezione ambiente) del dipartimento di Foggia. Durante le operazioni di censimento e controllo degli scarichi autorizzati e non, sono stati eseguiti» è stato detto «controlli in diversi depuratori pubblici situati nella provincia, nei quali spesso si sono potute riscontrare anomalie delle determinazioni analitiche quali valori alterati relativi alla richiesta di ossigeno nelle acque di depurazione, oltre alla presenza di metalli, tracce di inquinamento dovuto a sostanze di origine fecali». Nove le multe elevate.

Fondamentale per le verifiche si è rivelato «il telerilevamento, strumento d’indagine fornito dal comando generale delle Capitanerie, da cui scaturiscono anomalie termiche, fonte di indizi circa presunti inquinamenti» hanno detto gli investigatori. A inizio mese, con l’obiettivo di «consolidare le indagini in corso sulle qualità delle acque che si riversano nei principali torrenti e corsi d’acqua collegati a loro volta al mare», ha operato in Capitanata anche un nucleo di specialisti della Capitaneria di porto «con l’impiego di un laboratorio ambientale mobile; i tecnici hanno effettuato diversi campionamenti di acqua di mare, dolce e reflua per l’ese - cuzione di analisi chimico-fisiche e microbiologiche.

Particolari criticità sono state evidenziate a carico di alcuni depuratori privati esistenti lungo la riviera sud antistanti la foce del torrente Candelaro, relativamente alla presenza di sostanze fecali in quantità elevata di fosfati e nitriti, la cui presenza» hanno spiegato gli esperti «è indice di inquinamento ed è frequente in molti composti chimici quali detersivi domestici ed industriali, fertilizzanti». Carabinieri e Capitaneria hanno assicurato che «le attività di repressione in materia di tutela dell’ambiente marino continueranno, perchè salubrità delle acque e tutela della salute dei cittadini da qualsivoglia forma di inquinamento rappresentano beni da preservare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie