Sabato 20 Luglio 2019 | 15:34

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 
Bullismo
Candela, 15enne disabile picchiato e insultato nella villa comunale da coetanei

Candela, 15enne disabile picchiato e insultato in villa comunale da coetanei

 
Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
HomeIl caso
Bari, mamma 35enne muore dopo bendaggio gastrico: voleva dimagrire

Bari, mamma 35enne muore dopo bendaggio gastrico: voleva dimagrire

 
Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 
Potenzaeconomia
Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

 
BrindisiDal 1 settembre
Ostuni dice stop alla plastica nei locali

Ostuni dice stop alla plastica nei locali

 
Foggianel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Giovani costrette a pagare per aborti arrestati due medici

CERIGNOLA – Due medici del presidio ospedaliero di Cerignola sono stati messi agli arresti domiciliari con l’accusa di avere costretto giovani pazienti che chiedevano di essere sottoposte ad interruzione di gravidanza a pagare 100 euro per un intervento che è a carico del sistema sanitario. I soldi, al cui versamento veniva subordinata la tempestività dell’intervento che può essere eseguito entro novanta giorni dall’inizio della gravidanza, venivano poi divisi a metà
IL COMMENTO - Ripensiamo l'obiezione di coscienza di Rita Schena
Giovani costrette a pagare per aborti arrestati due medici
CERIGNOLA – Approfittavano del fatto di essere gli unici medici dell’ospedale di Cerignola a non praticare l’obiezione di coscienza per costringere le donne che volevano abortire a pagare 100 euro per un intervento che è gratuito e garantito dal sistema sanitario nazionale. La minaccia era di non eseguire l’intervento entro i novanta giorni prescritti.

Con questa accusa il dirigente medico responsabile del servizio di interruzioni volontarie delle gravidanze dell’ospedale 'Giuseppe Tatarellà, Osvaldo Battarino, di 56 anni, e il direttore dell’unità di anestesia e rianimazione della stessa struttura, e Giuseppe Belpiede, di 62, sono stati messi agli arresti domiciliari dai carabinieri in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare.

L’accusa è di concussione continuata in concorso. Per ogni intervento, eseguito nella struttura pubblica e in orario di lavoro, i due medici dividevano i soldi a metà. Sono venti i casi accertati ma gli investigatori sospettano che il sistema durasse da molto tempo.

L'indagine è cominciata alla fine del 2013 quando un uomo ha denunciato ai carabinieri che Battarino aveva preteso 100 euro in contanti per eseguire l’interruzione volontaria di gravidanza alla figlia. Alle rimostranze dell’uomo, il medico avrebbe detto che se non pagava, l’intervento non sarebbe stato compiuto prima del novantesimo giorno di gravidanza.

Dalle indagini e dalle testimonianze è emerso che le pazienti si rivolgevano Battarino sia perchè era risaputo che lui fosse il medico che si occupava di eseguire gli aborti volontari a Cerignola, sia perchè gli altri ginecologi obiettori, indirizzavano da lui le loro pazienti. Dalle intercettazioni si evince che Battarino dava ai colleghi la disponibilità ad intervenire celermente, anche il giorno successivo alla telefonata, sempre che si pagasse la somma richiesta.

"Se tu vuoi – si sente in una telefonata – io la posso fare pure domani mattina. Se lei sa che praticamente io le faccio il certificato e la visita di Belpiede sono cinquanta e cinquanta, non c'è problema, può venire domani mattina". Battarino riceveva quindi la paziente nel suo studio e si faceva consegnare il denaro da dividere con l’anestesista per eseguire l'intervento prospettando altrimenti tempi molto lunghi di attesa. Tutte pagavano. Da un’altra intercettazione nelle mani degli investigatori, si intuisce che il sistema andava avanti da anni. Battarini spiega al suo interlocutore: "io faccio 500 interruzioni all’anno; da 25 anni; 500 all’anno; hai capito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie