Lunedì 23 Maggio 2022 | 12:36

In Puglia e Basilicata

nel foggiano

Lucera non è una città a «misura» di bambino: parco giochi degradati, bagni chiusi, fontane senz’acqua

Lucera non è una città a «misura» di bambino: parco giochi degradati, bagni chiusi, fontane senz’acqua

I bambini vorrebbero stare all’aria aperta, ma la situazione delle aree pubbliche per lo svago è drammatica, a cominciare dalla villa

07 Maggio 2022

Francesco Barbaro

LUCERA - “Con l’arrivo del caldo estivo ormai alle porte non è possibile pensare che i bagni del parco giochi possano restare chiusi perché non c’è acqua, questa situazione va avanti da troppo tempo ormai occorre intervenire”.

A protestare è un gruppo di genitori di bambini che frequentano il parco giochi della villa comunale, il più grande in città. Da circa un mese infatti i bagni del parco giochi sono chiusi per un guasto alla conduttura idrica. Ad essere a secco è anche la fontana posta all’ingresso del parco giochi, come pure le due fontanelle dalle quali, utilizzando il rubinetto, è possibile per i bambini bere o refrigerarsi un po’ dal caldo.

Complici le temperature elevate ad esempio domenica mattina 1 maggio il parco giochi era pieno di bambini e genitori. A mancare però l’acqua, tanto da costringere a tenere ben chiusi i bagni. Tanto il rammarico mostrato dagli addetti al parco giochi della villa comunale dinanzi alle richieste di bambini e genitori di aprire i bagni, cosa impossibile a causa della mancanza di acqua.

La riparazione del guasto alla condotta idrica che porta l’acqua al parco giochi è stata resa difficile, sino ad ora, dal punto dove ci dovrebbe essere la rottura, ovvero una parte della villa comunale coperta dall’asfalto. Per poter raggiungere il tratto sotterraneo rotto occorrerebbe smantellare dell’asfalto. L’operazione è stata quindi rinviata da alcune settimane. Se la rottura fosse avvenuta in un tratto della condotta idrica posta sotto la semplice terra tutta sarebbe stato più semplice e l’intervento sarebbe stato attuato.

Così hanno spiegato ai genitori presi dal disappunto per l’assenza di servizi igienici al parco comunale.

“La situazione va affrontata e risolta non è certo possibile che i nostri bambini possano avere i bagni chiusi al parco in estate” sottolineano i genitori che hanno protestato con il personale addetto al parco giochi. E che reclamano che al più presto i bagni del parco giochi della villa comunali tornino aperti.

“I nostri bambini – sottolinea il gruppo di mamme e papà - rivogliono vedere anche lo zampillio della fontana l’assenza dell’acqua si sta protraendo da troppo ormai la situazione è diventata intollerabile ormai”.

Insomma, un minimo di dotazioni civili per fare una città a misura di bambini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725