Martedì 04 Agosto 2020 | 05:12

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
pubblica amministrazione
Foggia, comuni, uffici senza personale rischio fondi Ue

Foggia, uffici del Comune senza personale: a rischio fondi Ue

 
i retroscena
Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

 
nel foggiano
Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

 
Criminalità
Cerignola, l'omicidio Cirulli forse per uno sgarro ai boss

Cerignola, l'omicidio di Cirulli forse per uno sgarro ai boss

 
Il caso
Covid 19, i numeri neri di Cerignola, dopo festa di compleanno

Covid 19, i numeri neri di Cerignola dopo festa di compleanno

 
Criminalità
Contrasto alle mafie, il premier Conte a Cerignola

Contrasto alle mafie, il premier Conte in arrivo a Cerignola

 
L'incidente
San Severo, ustionato da una fiammata: gravissimo l'operaio ferito

San Severo, morto operaio ferito in esplosione fabbrica fuochi pirotecnici

 
i casi
Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

Coronavirus, due micro-focolai a Cerignola: contagiate 2 famiglie

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

 
BariIl caso
Bari, Petruzzelli contro Amiu: «Niente personale per estendere il porta a porta e si assume un nuovo dirigente»

Bari, Petruzzelli contro Amiu: «Niente personale per estendere il porta a porta e si assume un nuovo dirigente»

 
TarantoA Torricella
Estorsione a commercianti di mitili: 3 arresti nel Tarantino

Estorsione a commercianti di mitili: 3 arresti nel Tarantino

 
PotenzaAutomobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
Homel'allarme
Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

 
Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 

i più letti

L'emergenza

Foggia, task force Caporalato: 11 arresti in 12 mesi

Una svolta dopo le stragi: Il Procuratore capo ha istituito un pool che segue queste indagini affidate ai Carabinieri di Nucleo investigativo e Nil

Foggia, Task Force Caporalato: 11 arresti in 12 mesi

FOGGIA - C’è un prima e c’è un dopo alla lotta al caporalato nel Foggiano. Il solco è scritto dal sangue di 16 braccianti morti in due incidenti stradali in fotocopia. Il primo pomeriggio del 4 agosto 2018 vicino Foggia, un furgone stipato di braccianti che rientravano dal lavoro dopo aver raccolto pomodori si scontrò con un camion carico di pomodori: 4 morti e 8 feriti. Trascorsero 48 ore, e il 6 agosto sulla statale 16 vicino il bivio di Ripalta stesse sequenze: un altro furgone carico all’inverosimile impattò con un camion: i 12 africani sul primo mezzo morirono tutti. Foggia tornò così alla ribalta delle cronache nazionali, e questa volta non per storie di mafia; si succedettero i vertici in prefettura con primo ministro e ministri del lavoro e dell’Interno.
La svolta alla lotta al caporalato è nei numeri. Nel periodo pre-stragi - dall’ottobre 2017 al luglio 2018 - c’erano stati secondo i dati ufficiali diffusi dalle forze dell’ordine 75 servizi interforze con l’identificazione di 1678 persone, il controllo di 1742 veicoli, di cui 57 furgoni. Dal 10 agosto 2018 al 14 novembre, in tre mesi, furono arrestati in flagranza 8 caporali (quasi tutti stranieri; il primo venne sorpreso a Foggia il 28 agosto mentre sovrintendeva alla raccolta dei pomodori da parte di una dozzina di africani che aveva portato nei campi su un furgone: il maliano è stato condannato a 2 anni e 6 mesi in appello); denunciate altre 12 persone per lo stesso reato; sequestrati ben 40 furgoni stipati sino all’inverosimile per portare quanti più braccianti possibile nei campi, e tolte dal mercato altre 12 auto condotte da sospettati.

Non che la lotta al caporalato mancasse prima delle stragi della strada dell’agosto 2018 con i 16 braccianti morti, e che le immagini di quei corpi senza vita facessero il giro del mondo. Ma le indagini mirate erano state solo due: il 31 luglio 2015 («Sangue verde» a Torremaggiore con 1 arresto e 50 denunciati); e il 30 giugno 2016 a Troia («Dominus» con l’arresto di padre e figlia e un romeno accusati di sfruttare 25 romeni che venivano ingaggiati per raccogliere le olive). C’erano poi stati nel 2017, 6 arresti per caporalato (1 un imprenditore e 5 reclutatori) per lo più in flagranza in occasione di indagini lampo nelle campagne di San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Zapponeta, pedinando furgoni condotti da stranieri che trasportavano i braccianti nei campi.

Negli ultimi 12 mesi indagini mirate - partite talvolta da esposti, proseguite con appostamenti nei campi per filmare l’attività lavorativa, intercettazioni, controlli nelle aziende, identificazione e interrogatorio dei braccianti - la «task-force» costituita dalla Procura e dai carabinieri con militari del nucleo investigativo e del Nil (nucleo ispettorato del lavoro) ha sfornato già 6 indagini con 11 arresti e 3 persone ancora ricercate, tutte accusate di intermediazione illecita e sfruttamento del lavori (la legge sul caporalato punita dall’articolo 603 bis del codice penale). Dal giugno 2019 inoltre per la prima volta nel Foggiano è stata applicata la misura dell’amministrazione giudiziaria - sono complessivamente 9 le aziende agricole interessate da questo provvedimento - che prevede la nomina da parte della magistratura di una persona che deve regolarizzare i rapporti di lavoro, favorendo l’emersione del lavoro nero; faccia rispettare le norme a tutela dei lavoratori; e concorra nell’amministrazione dell’azienda, tutelando quindi anche l’attività imprenditoriale.

Il primo bliz della «task force» Procura-Arma è datato 28 giugno 2019 con la sottoposizione di due fratelli foggiani ai domiciliari, revocati dopo un mese, accusati di aver sottopagato 24 braccianti stranieri con 5 euro all’ora, molti dei quali vivevano in condizioni degradanti in container nella azienda, pagando un fitto di 40 euro al mese. Il 10 febbraio doppio blitz di Procura e carabinieri: coinvolse un’azienda agricola di Foggia (arrestato il titolare, ancora ricercato il presunto caporale della Guinea); e un’azienda di Zapponeta (arrestati i due titolari, ricercati due marocchini, con la contestazione anche di tentata estorsione ai danni di un bracciante dai quali si pretese che lasciasse il campo dopo aver chiesto l’aumento del salario). Il 2 maggio 2020 ci fu il doppio blitz «White labour» che portò in carcere i due imprenditori foggiani già arrestati il 28 giugno di un anno prima in quanto sospettati di aver continuato a sottopagare i dipendenti nonostante l’azienda fosse sottoposta a controllo giudiziario (il Tribunale della libertà ha poi annullato i provvedimenti di cattura di entrambi i fratelli per insufficienza di gravi indizi); e ai domiciliari il titolare di alcune aziende agricole della zona di San Giovanni Rotondo, mentre uno dei presunti caporali accusati di procacciarli manodopera finì in cella, si tratta di un gambiano: in questo caso si parla di braccianti sottopagati e che in alcuni casi lavoravano sino a 13 ore al giorno, senza neanche un giorno di riposo.

L’ultimo blitz anticaporalato, per ora, è quello scattato 48 ore con la sottoposizione ai domiciliari di uno dei più noto imprenditori agricoli del Foggiano, l’apricenese Settimio Passalacqua, e di un suo collaboratore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie