Domenica 13 Giugno 2021 | 16:08

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

 
Il blitz
San Severo, rapina all'eurospin

San Severo, assalto all'Eurospin: presa la baby gang

 
Il caso
Foggia, gira in città con un cartello con insulti a Procuratore Vaccaro: fermato

Foggia, gira in città con un cartello con insulti a Procuratore Vaccaro: fermato

 
Il caso
Vieste, nel centro turistico un autonoleggio dedito alle truffe

Vieste, nel centro turistico un autonoleggio dedito alle truffe

 
verso le elezioni
Cerignola, L’incandidabilità di Metta? Un terremoto politico in città

Cerignola, L’incandidabilità di Metta? Un terremoto politico in città

 
Criminalità
Biccari, assalto al bancomat della Popolare pugliese

Biccari, assalto al bancomat della Popolare pugliese

 
Il caso
Esami truccati all'Università di Foggia, 7 assoluzioni e 1 condanna

Esami truccati all'Università di Foggia, 7 assoluzioni e 1 condanna

 
Il caso
Foggia, ex presidente consiglio Iaccarino torna in libertà

Foggia, ex presidente consiglio Iaccarino torna in libertà

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPolizia locale
Bari, travolge due motociclisti e scappa: pirata della strada rintracciato a Valenzano

Bari, travolge due motociclisti e scappa: pirata della strada rintracciato a Valenzano

 
PotenzaNel Potentino
Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

 
TarantoLadro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
LecceIl gip: manca la prova
Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 

i più letti

traffico aereo

Foggia, al Gino Lisa lavori fermi da marzo per il Covid: non riprenderanno presto

Il direttore generale di Aeroporti di Puglia, Marco Catamerò: «La ripresa dipenderà dalla eliminazione di alcune criticità»

Foggia, al Gino Lisa lavori fermi da marzo per il Covid: non riprenderanno presto

FOGGIA - Il Coronavirus si è portato via pure i lavori di prolungamento e riqualificazione della pista del Gino Lisa. È ancora tutto fermo, dal 23 marzo. E del prolungamento non c’è traccia sul lato Nord della pista, dove continua a correre via Castelluccio, la strada destinata a essere cancellata (sul primo tratto) dalle ruspe. D’accordo, siamo forse appena fuori da una pandemia che ha bloccato ogni nostra attività.

Ma la ripresa del cantiere non sarà semplice nè immediata. Ci sono ancora aree da bonificare dalle bombe della Seconda guerra mondiale di cui il sottosuolo del “Lisa” è pieno, intervento che durante l’emergenza è stato rinviato. Così ora i tempi sembrano essersi maledettamente allungati. Figurarsi in questa situazione a che serva domandarsi se anche per Foggia si schiuderà, prima o poi, la possibilità di dotarsi di collegamenti di linea stabili e finanziati dalla collettività pugliese, come avviene regolarmente per Bari e Brindisi con i voli Ryanair.

Insomma, sembra una tela di Penelope. Nuove nuvole dunque all’orizzonte del Gino Lisa? Lo abbiamo chiesto al direttore generale di Aeroporti di Puglia, l’architetto Marco Catamerò, che ha risposto per iscritto alle nostre domande. «La ripresa dipenderà - leggiamo - dalla eliminazione di alcune criticità. In particolare, risulta presente una interruzione per effetto della esistente viabilità comunale (via Castelluccio: ndr) ancora in esercizio che separa le due aree di intervento. La stessa viabilità, non è ancora stata consegnata ad AdP dal Comune di Foggia in quanto non può essere interrotta se prima non verranno risolte le interferenze dovute alla presenza di tutti i sottoservizi (fornitura idrica, fogna, linea elettrica e linea dati) che necessitano di opportuna e relativa riprotezione secondo quanto richiesto dagli stessi Enti Gestori del servizio».

E dunque per questo non siete nelle condizioni di fornire una data?
«Dipende dalla riprotezione dei sottoservizi che potrà essere messa in atto solo a seguito della conseguente demolizione di alcuni immobili, già acquisiti da AdP con le espropriazioni. Gli espropri hanno comportato una complessa attività tecnico - amministrativa, avendo interessato una superficie complessiva di circa 15 ettari e 40 proprietari, tra cui le aree che interferiscono con i nuovi tracciati dei sottoservizi. I tecnici di AdP, congiuntamente con l'Appaltatore, stanno definendo in maniera puntuale tutte le attività con le relative procedure occorrenti per i predetti interventi consistenti sostanzialmente in riprotezione dei sottoservizi e demolizioni di alcuni immobili».

I lavori per la pista potevano però proseguire, non rientrano nei codici Ateco per i quali era d’obbligo fermarsi.
«La sospensione, come già detto, ha riguardato solo dieci giorni per gli aspetti correlati alla pandemia e non vi è stata alcuna sospensione per i codici Ateco».

La cassa integrazione, cui sono stati sottoposti i dipendenti di Adp, è stata anch’essa un freno alla ripresa dei lavori?
«Pur nelle difficoltà legate all’adozione di un provvedimento così doloroso, l’intera struttura ha dimostrato un grande senso di responsabilità, oltre che di non comuni competenze tecniche, affinché ciò non inficiasse una procedura importante per il territorio, assicurando la puntuale esecuzione di tutti gli adempimenti previsti».

Quando pensate a questo punto di completare l’intervento e di autorizzare il collaudo?
«Appena saranno ultimati gli interventi delle interferenze e di demolizione degli immobili acquisiti da AdP, nonché l’ulteriore bonifica da ordigni bellici in aree non previste dal progetto esecutivo, per il ritrovamento di un ulteriore ordigno bellico al di sotto della stessa pavimentazione dell’attuale pista di volo».

Si può ragionevolmente ritenere che lo scalo per il prossimo inverno possa essere pienamente operativo?
«Secondo il nuovo cronoprogramma, sicuramente sì».

Poi si potrà finalmente parlare di voli. Ma secondo lei un’accelerazione d’impresa, tipo l’effetto che ha avuto l’operazione Ryanair su Bari e Brindisi è praticabile anche su Foggia?
«Tecnicamente è fattibile, tuttavia l’attuale scenario post Covid -19, com’è noto, ha avuto un impatto devastante nel mondo aeroportuale e su tutto l'indotto dell'aviazione civile, la cui ripresa, dipende da diversi fattori. Gli scenari per la ripresa oggi sono allo studio da parte di tutti, ICAO e IATA in primis, che si trovano ad affrontare un “arresto” di portata mai vista prima d'ora».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie