Martedì 10 Dicembre 2019 | 06:37

NEWS DALLA SEZIONE

San Nicandro Garganico
Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

 
La sentenza
Foggia, ai bambini: «Sgozzate i miscredenti». Condannato per terrorismo un egiziano

Foggia, ai bambini: «Sgozzate i miscredenti». Condannato per terrorismo un egiziano

 
L'estorsione
Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

 
Nel foggiano
volante polizia

San Severo, in fuga per 30 chilometri: aveva eroina nell'auto

 
Festività 2019
Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

 
L'arresto
Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

 
Il riconoscimento
Transumanza patrimonio dell'Unesco, settimana clou per decidere

Transumanza patrimonio dell'Unesco, settimana clou per decidere

 
La decisione
Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuoglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

 
Sanità
A Foggia elisoccorso notturno attivo tutto l'anno e non solo d'estate

A Foggia elisoccorso notturno attivo tutto l'anno e non solo d'estate

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaSan Nicandro Garganico
Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

 
BariLa sentenza
Lecce, condannato pm barese a 4 mesi: rivelò notizie a un prof.

Lecce, condannato pm barese a 4 mesi: rivelò notizie a un prof.

 
Tarantoè ai domiciliari
Taranto, strappa borsa a una vecchietta per strada: arrestata 28enne

Taranto, strappa borsa a un'anziana per strada: arrestata 28enne

 
PotenzaSanità
«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

 
Leccecrolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

nel Foggiano

Vieste, 4 cani nelle chiese della città per cercare famiglia

L'iniziativa per sensibilizzare le adozioni

Vieste, 4 cani nelle chiese della città per cercare famiglia

Si chiamano Zeus, Milo, Shirley, Cleopatra e Wonder e sono i cinque cani che da domenica prossima parteciperanno alla messa festiva nella Cattedrale e in quattro parrocchie di Vieste. Saranno i sacerdoti nelle funzioni di questa mattina ad annunciarlo: durante le celebrazioni eucaristiche domenicali prima di Natale presenteranno ciascun cane.

L’animale poi sosterà con i volontari sul sagrato, in attesa dell'uscita dei fedeli, tutti possibili nuovi proprietari dei quattrozampe. Sì, perché questi cinque trovatelli accolti dalla Lega nazionale del cane cercano una casa e una famiglia entro fine anno e così il Canile sanitario del centro garganico non avrà più ospiti, uno dei grandi obiettivi raggiunti da Francesca Toto, esperta di marketing e comunicazione, ideatrice del progetto «Zero cani in canile» che Vieste sta esportando in tutt'Italia.
Il vescovo della Diocesi, padre Francesco Moscone e con lui i sacerdoti don Gioacchino della Cattedrale, don Tonino della parrocchia Gesù Buon Pastore, don Celestino di Santa Maria delle Grazie, don Angelo del Santissimo Sacramento e don Michele di San Giuseppe Operaio, hanno offerto subito la loro disponibilità a trasformare le chiese in strumento di adozione degli ex randagi, che grazie alla Lndc hanno superato storie di violenza e di abbandono.

Episodi sempre meno numerosi, va detto, almeno sul territorio viestano, perché «Zero cani in canile», che va avanti da circa dieci anni, ha realizzato senza costi per la comunità iniziative efficaci per ridurre le sofferenze di cuccioli e adulti lasciati per strada. Come la costituzione del Nucleo tutela benessere animale, composto da tutte le forze dell'Ordine: gli agenti sono stati dotati di rilevatori di microchip per verificare, a ogni controllo di auto, la presenza nell'abitacolo di cani di cui, attraverso il chip appunto, viene identificata la provenienza. Così è stato arginato il fenomeno del massiccio abbandono di cani deportati, soprattutto dalla vicina Peschici. Perché un altro grosso rischio dal quale va salvato il migliore amico dell'uomo è il «vagantismo», cioè il vagare per abitati e campagne di cani padronali estromessi da casa. E il passo dall'incuria al maltrattamento è breve, per questo dopo l'adozione sotto l'albero di questi cinque musetti irresistibili, al Comune di Vieste nascerà un ufficio che, in collaborazione con i Servizi sociali, farà prevenzione delle violenze in famiglia. Un cane maltratto, hanno appurato i volontari, è spesso la spia di bambini e donne in difficoltà tra le mura domestiche.

L'educazione è basilare e da qui parte un altro intervento che la vulcanica Francesca e gli altri volontari viestani attueranno dal 5 dicembre nelle prime classi elementari: daranno a ogni bambino un peluche, ciotole, croccantini e buste per raccogliere la cacca del cane e ciascun piccolo si impegnerà ad accudire il finto cane ogni giorno, dandogli da mangiare e portandolo fuori per i bisogni. In questo modo sarà più semplice inculcare nei bimbi e nelle rispettive famiglie l'idea che il cane va rispettato e non mollato dove capita alla prima difficoltà.

A Vieste la sensibilità verso i compagni di vita scodinzolanti è molto aumentata negli ultimi anni grazie al proselitismo dei volontari: sono 60 (quasi la totalità) gli stabilimenti balneari che accolgono i cani ed a caratterizzare la città del faraglione Pizzomunno come «animal friendly» vi sono anche le visite in Cattedrale consentite ai turisti con quattrozampe al seguito e i gelati per cani preparati con ingredienti che non danneggiano il loro organismo.
Non tutto è perfetto e resta ancora da vincere la battaglia a colpi di multe contro i proprietari abbandonatori seriali di deiezioni canine. I cani sull'altare per cercare una famiglia sono però un precedente che, per quanto non vietato dal diritto canonico che demanda al parroco la decisione su chi ospitare, va ad integrare l'ammissione delle bestiole in chiesa, sempre più frequente, a matrimoni e funerali della famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie