codice rosso

Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

I carabinieri sono intervenuti a Cerignola, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia

Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

I carabinieri di Cerignola (Fg) nei giorni scorsi hanno arrestato tre uomini per atti persecutori e maltrattamenti in famiglia, dopo che tre donne vittime di aggressioni e minacce si sono rivolte ai militari per l'attivazione del 'Codice Rosso'. 

A Cerignola, alcune sere fa, i carabinieri hanno arrestato in flagrante per maltrattamenti in famiglia un 41enne del posto. L’uomo, in fase di separazione dalla moglie, l'aveva minacciata che sarebbe tornato a casa, dopo che la donna si era rifugiata da parenti, stanca delle continue vessazioni e umiliazioni subite per opera del marito. Ai militari intervenuti, la vittima ha raccontato delle continue aggressioni e minacce di morte subite, che l’avevano ridotta ad uno stato di assoluta impotenza e costernazione. Il 41enne ora ha l'obbligo di allontanamento dalla casa familiare, il divieto di avvicinamento alla persona offesa e di comunicare con lei, nonché l'obbligo di non allontanarsi dal comune di residenza e di rimanere a casa tra le 20 e le 7.

A San Ferdinando di Puglia (Bt), i carabinieri hanno arrestato tre volte in un mese un 47enne del posto. La prima volta, a metà ottobre, l’uomo è stato arrestato in flagrante per maltrattamenti in famiglia perché aveva aggredito fisicamente la
convivente, ferendola al volo, ed il figlio minorenne della donna. L'uomo era stato arrestato e condotto in carcere: dopo la convalida dell'arresto gli era stato imposto il divieto di avvicinamento alla donna, ma lui l'aveva violato, contattandola anche telefonicamente e non mantenendo la distanza. Pertanto il tribunale aveva inasprito la misura cautelare, sottoponendolo ai domiciliari, ma lui ha continuato a tormentare la donna. Quindi è stato portato in carcere.

A Trinitapoli (Bt) i carabinieri hanno arrestato in flagrante per atti persecutori un 28enne di San Ferdinando di Puglia che, non essendosi rassegnato alla fine della relazione sentimentale con una giovane di Trinitapoli, per convincerla a tornare insieme,
aveva cominciato ad adottare ripetuti comportamenti aggressivi ed intimidatori, fino ad arrivare, alcune mattine fa, a sfondare il portone di ingresso dell’abitazione della ex. La donna ha avvisato i carabinieri e il 28enne è stato arrestato.

La Gazzetta del Mezzogiorno.it