Martedì 12 Novembre 2019 | 03:44

NEWS DALLA SEZIONE

Omicidio
Faida garganico, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

Mafia garganica, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

 
nel Foggiano
S.Severo, rubano 3 quintali di olive, ma un cittadino li vede e chiama i cc: furto sventato

S.Severo, rubano 3 quintali di olive, ma un cittadino li vede e chiama i cc: furto sventato

 
nel Foggiano
S.Nicandro Garganico: aveva in casa un fucile rubato nel 2011, arrestato

S.Nicandro Garganico: aveva in casa un fucile rubato nel 2011, arrestato

 
il caso
Esami truccati università Pescara: assolti tutti dopo 8 anni, anche ex sindaco Manfredonia

Esami truccati università Pescara: assolti tutti dopo 8 anni, anche ex sindaco Manfredonia

 
La storia
Muro di Berlino, quel tunnel di 126 scavato da un ragazzo di Vieste

Muro di Berlino, quel tunnel della libertà di 126 metri scavato da un ragazzo di Vieste nel 1962

 
nel Foggiano
Cerignola, minaccia di morte i genitori che non gli danno i soldi per la droga: arrestato

Cerignola, minaccia di morte i genitori che non gli danno i soldi per la droga: arrestato

 
A Milano
Ergastolano di Cerignola accoltella anziano durante permesso premio a Milano

Ergastolano di Cerignola accoltella anziano durante permesso premio: ha ucciso 3 Cc

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

nel Foggiano

Vieste, picchiato per uno «sgarro» al clan: individuati i responsabili

Il giovane, 27 anni, fu avvicinato con un pretesto, condotto in un luogo isolato e aggredito brutalmente: fu costretto a scappare nudo da un finestrino

Vieste, picchiato per uno «sgarro» al clan: individuati i responsabili

FOGGIA - Tre viestani sono stati condotti in carcere perché accusati di tentato omicidio: tutto è cominciato lo scorso settembre quando, per uno sgarro al clan, c'è stato un regolamento di conti nei confronti di un incensurato, Domenico Argentiero, 28 anni. I suoi aguzzini l'avevano fatto salire con un pretesto a bordo di un'auto, l'avevano condotto in un luogo isolato e picchiato brutalmente, non uccidendolo solo perché il ragazzo è riuscito a fuggire, completamente nudo.

Il ragazzo, dopo essersi presentato alla Guardia Medica, era scappato improvvisamente dopo aver ricevuto le prime cure. Il fatto aveva indotto i sanitari ad avvisare i carabinieri, che l'avevano poi ritrovato mentre vagava per strada, ancora senza vestiti, in stato di choc. Durante il tragitto Argentiero aveva raccontato che un paio d'ore prima la fidanzata, con cui aveva litigato, gli aveva chiesto di incontrarsi per chiarire. Al posto della ragazza, che si era prestata a fare da esca, tuttavia Argentiero aveva trovato lo zio di lei, Giuseppe Della Malva, 55 anni, che l'aveva invitato a salire in auto, insieme ad altri due, Vincenzo Langi, 41 anni, e Luca Luongo, 37, tutti pregiudicati, i primi due ritenuti vicini al clan Raduano.

Argentiero ha capito troppo tardi di essere caduto in trappola: dopo aver ricevuto violenti colpi in testa e su tutto il corpo, gli aguzzini gli intimavano di restituire il denaro che aveva sottratto a Danilo Della Malva, figlio di Giuseppe. A nulla sono valsi i tentativi di sottrarsi al pestaggio: il ragazzo è riuscito a scappare da un finestrino, nudo poiché i suoi abiti erano distrutti.

I carabinieri di Vieste hanno scoperto che Argentiero aveva subito quella punizione per aver 'osato' fare acquisti online con la carta della convivente di Danilo Della Malva. Perciò i tre responsabili hanno ricevuto nella notte di mercoledì scorso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie