Martedì 04 Agosto 2020 | 16:44

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
LA TRAGEDIA
Foggia, il ghetto di Mezzanone ha invaso anche il Cara

Foggia, il ghetto di Mezzanone ha invaso anche il Cara

 
l'episodio
Foggia, affiancano bracciante e gli sparano: ferito, indaga la polizia

Foggia, affiancano bracciante e gli sparano: ferito, indaga la polizia

 
nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
pubblica amministrazione
Foggia, comuni, uffici senza personale rischio fondi Ue

Foggia, uffici del Comune senza personale: a rischio fondi Ue

 
i retroscena
Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

Rissa a Borgo Mezzanone, nel ghetto «comandano i ghanesi»

 
nel foggiano
Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

Borgo Mezzanone, rissa fra migranti: baracche a fuoco, 3 feriti, uno è grave

 
Criminalità
Cerignola, l'omicidio Cirulli forse per uno sgarro ai boss

Cerignola, l'omicidio di Cirulli forse per uno sgarro ai boss

 
Il caso
Covid 19, i numeri neri di Cerignola, dopo festa di compleanno

Covid 19, i numeri neri di Cerignola dopo festa di compleanno

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
BariIL VERTICE
Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

 
PotenzaINFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
MateraMIGRAZIONE
I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame chi dalla Siria

I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame, chi dalla Siria

 
TarantoL'INCHIESTA
Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Guerra fra clan

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Avrebbe tentato di uccidere un esponente del clan rivale dei Libergolis per vendicare l'omicidio del boss di Manfredonia Mario Luciano Romito

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Avrebbe tentato di uccidere un esponente del clan rivale dei Libergolis per vendicare l'omicidio del boss di Manfredonia Mario Luciano Romito, tra le vittime del quadruplice omicidio del 9 agosto 2017 in cui furono uccisi anche due ignari testimoni dell’agguato, i fratelli Aurelio e Luigi Luciani. Polizia e Carabinieri, su richiesta della Dda di Bari, hanno arrestato nei giorni scorsi il 42enne Massimo Perdonò, ritenuto esponente di spicco del clan foggiano Moretti-Pellegrino-Lanza, alleato dei Romito di Manfredonia. All’indagato, già in carcere da alcuni mesi nell’ambito dell’inchiesta antimafia 'Decimazione', si contestano i reati di tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da sparo e rapina, con l’aggravante mafiosa.


Perdonò avrebbe tentato di ammazzare il 18 febbraio 2018 il pregiudicato Giovanni Caterino, uno dei componenti del commando armato responsabile del quadruplice omicidio dell’estate 2017, che è in carcere per il delitto dallo scorso autunno. Per vendicare la morte del boss Romito, Perdonò con altre due persone al momento ignote, armati di fucile e pistola e indossando parrucche, avrebbero inseguito e speronato l’auto su cui viaggiava Caterino, dopo averlo pedinato fin sotto casa. Caterino riuscì a fuggire, mentre i tre rinunciarono all’agguato a causa de danni alla propria vettura e per allontanarsi rapinarono un’altra auto ad un passante. Nei confronti di Perdonò è stata riconosciuta l’aggravante mafiosa per «le modalità dell’agguato», in quanto i membri del commando erano travisati e armati, e per «le circostanze di tempo e di luogo tali da amplificarne la portata ed affermare il predominio del sodalizio di appartenenza» spiegano gli inquirenti, perché "l'agguato è stato commesso di prima mattina e in pieno centro abitato di Manfredonia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie