Martedì 11 Agosto 2020 | 18:25

NEWS DALLA SEZIONE

Le misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
RIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
Le immagini
Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

 
Vip in Puglia
Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

 
Nuovi contagi
Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzaone sono positivi al Coronavirus

Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzanone sono positivi al Coronavirus

 
ECONOMIA
Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

 
a borgo mezzanone
Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

 
tragedia
Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

 
quest notte
Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa denuncia
Bari, «Povero giardino Garibaldi ormai ridotto a una pattumiera»

Bari, «Povero giardino Garibaldi ormai ridotto a una pattumiera»

 
FoggiaLe misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
MateraIl caso
Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

 
Leccel'emergenza
Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 

i più letti

Storia e ambiente

Quando Foggia era un «giardino»

Parchi ed orti caratterizzavano la città grazie al palazzo imperiale, alle masserie regie e ai conventi

Quando Foggia era un «giardino»

Giovedì 7 febbraio alle ore 17,30 presso Parco Città in Via Rovelli, 7 a Foggia, sarà tenuta da Carmine de Leo una conferenza sulla storia dei parchi e giardini nella città di Foggia.
Si tratterà di una conferenza multimediale in cui saranno illustrati e proiettate circa 120 immagini di documenti d’archivio, piante antiche della città e foto d’epoca, per spiegare la storia dei parchi e dei giardini a Foggia; tutte testimonianze storiche raccolte negli anni da Carmine de Leo.
Il verde è oggi un tema molto attuale, dopo le vicende che hanno segnato l’inizio dei lavori del nuovo parco presso l’ex l’ippodromo cittadino e la loro sospensione.


Il relatore della conferenza, Carmine de Leo, autore di varie pubblicazioni di storia locale, illustrerà la storia del verde a Foggia a partire dalle vicende del magnifico parco con vivarium ed animali esotici fatto realizzare dall’imperatore Federico II di Svevia presso Foggia in località Pantano, più volte sede privilegiata dello stesso imperatore e poi dei re di casa d’Angiò.
Saranno analizzati i vari giardini privati esistenti un tempo a Foggia attraverso l’esame degli antichi catasti cinquecenteschi e settecenteschi della città e con il conforto di varia documentazione d’epoca che conferma le aree verdi che appaiono nelle piante antiche di Foggia, come quella cinquecentesca conservata presso la Biblioteca Angelica di Roma ed altre inedite.
Proprio in questa antica pianta della città appaiono già alcuni conventi, che con i loro giardini ed orti hanno connotato le aree verdi della città di Foggia in passato, come ad esempio il giardino dei Padri Cappuccini, sulla via per San Severo, oppure l’orto del convento di San Pasquale, la cui area è oggi irrimediabilmente cementificata.


Si passerà poi all’Ottocento, con le prime carte topografiche della città, documenti da cui è possibile conoscere le aree verdi di Foggia in quell’epoca, come orti e giardini dei vecchi conventi e la realizzazione della villa comunale; per terminare al secolo scorso con l’urbanizzazione selvaggia che ha distrutto numerose aree verdi, confortando il tutto attraverso la proiezione di testimonianze, piantine dei luoghi e foto d’epoca, che ci faranno conoscere anche angoli della città di Foggia oggi irrimediabilmente scomparsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie