Domenica 20 Ottobre 2019 | 18:44

NEWS DALLA SEZIONE

Salgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
La relazione
Manfredonia, mafia in Comune: ecco i legami dei politici con i clan

Manfredonia, mafia in Comune: ecco i legami dei politici con i clan

 
L'accordo
Foggia, intesa tra Regione e Comune per 150 case popolari

Foggia, intesa tra Regione e Comune per 150 case popolari

 
Tentato omicidio
San Severo, lite tra rivali finisce a coltellate: ferito giovane, è grave

San Severo, lite tra rivali finisce a coltellate: ferito giovane, è grave

 
definito il piano
Foggia, trasporto locale: la Regione pagherà i chilometri in più dei bus

Foggia, trasporto locale: la Regione pagherà i chilometri in più dei bus

 
Il caso
Foggia, 26 tifosi denunciati per incidenti dopo match con Verona: scattano i Daspo

Foggia, 26 tifosi denunciati per incidenti dopo match con Verona: scattano i Daspo

 
La decisione
Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

 
Stalking
Foggia, dai domiciliari continua a perseguitare la ex: in carcere 29enne

Foggia, dai domiciliari continua a perseguitare la ex: in carcere 29enne

 
La procura
Foggia, dall'emendamento al numero come la salumeria per l'appuntamento«Un sistema basato sulle clientele»

Foggia, dall'emendamento al numeretto per l'appuntamento: «Continue clientele»

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweeksu corso Vittorio Emanuele
A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

 
TarantoUniversità
Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

Taranto, facoltà di Medicina: ecco i nodi da sciogliere

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Trasporti

Foggia, protestano i pendolari: «In ritardo con il treno regionale»

Raccolte 83 firme per il ripristino del vecchio orario del collegamento Foggia-Bari

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si  farà»

FOGGIA - Anticipare la partenza del treno di tredici minuti per molti pendolari foggiani che ogni mattina si recano a Bari per lavoro o studio, potrà significare la perdita sistematica del collegamento e l’arrivo nel capoluogo pugliese in costante ritardo. Una petizione firmata da ottantatré cittadini chiede infatti a Trenitalia di riportare all’orario di origine il treno regionale Veloce 12533 proveniente dalla stazione di San Severo che prima dell’entrata in vigore dell’orario invernale ripartiva da Foggia alle 6.44.

«Quel treno dal 9 dicembre - scrivono in una nota i pendolari - è stato declassato a semplice treno regionale e dunque si ferma a tutte le stazioni». Il 12533 in partenza dalla stazione di Foggia con il nuovo orario invernale adesso invece ha un orario cadenzato ogni mezz’ora: chi non riesce a salire sul treno delle 6.31 dovrà prendere quello successivo alle 7.01. «Senza entrare in merito alle politiche commerciali di Trenitalia - affermano nella nota i pendolari - è utile sottolineare come tali decisioni non tengano affatto conto delle esigenze dei viaggiatori, molti dei quali arrivano a Foggia dopo aver percorso un tragitto (circa un’ora) dai paesi del Subappennino dauno e dal Gargano. Tutto ciò comporta che questi ultimi, già in partenza dalle proprie abitazioni sin dall’alba, arrivano al nuovo terminal autobus di Foggia verso le 6.35/40 e, dopo aver fatto una corsa, tentano di salire sul treno 12533. Si tratta di un’utenza pendolare costituita per la gran parte da lavoratori, studenti e passeggeri che non potendo utilizzare mezzi alternativi per motivi di età o semplicemente perchè non posseduti, vengono significativamente danneggiati da tali decisioni. L’anticipo di 13 minuti - si legge ancora nella nota - comporterà inevitabilmente per loro la perdita del treno e li costringerà ad arrivare al lavoro con almeno trenta minuti di ritardo». La gran parte di questi viaggiatori sono infermieri, medici, dipendenti pubblici, insegnanti, il loro mancato arrivo in orario - viene fatto notare dai pendolari - si ripercuoterà inevitabilmente su servizi essenziali alla popolazione.

«Per le motivazioni sopra esposte i sottoscritti - sottolineano i pendolari nella petizione - la cui identità di viaggio potrà essere accertata direttamente in via digitale dalla strumentazione in possesso a Trenitalia, chiedono il mantenimento del treno 12533 Regionale veloce con partenza dalla stazione di Foggia alle ore 6.44 e dalla stazione di San Severo alle ore 6.25. Chiediamo altresì che non vengano istituite nuove fermate sul percorso, ma che semplicemente si mantengano quelle attuali. Il treno Regionale è un servizio per l’utenza - rilevano - utilizza principalmente finanziamenti pubblici e dunque come tale dovrebbe garantire un ritorno economico e di servizi in favore dell’intera collettività e non soltanto per rispondere a politiche commerciali di chi gestisce il servizio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie