Lunedì 10 Dicembre 2018 | 20:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Foggia, minaccia la moglie e molesta la figlia minorenne: arrestato

Foggia, minaccia moglie e molesta figlia: arrestato

 
Anche un disabile
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 
La mobilitazione in Capitanata
Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

 
Nel Foggiano
S. Giovanni Rotondo, infermiere violenta una paziente in ospedale: denunciato

S. Giovanni Rotondo, infermiere abusa di paziente operata: arrestato

 
A Foggia
Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

 
La protesta
Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

 
L'iniziativa
Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

 
Ad Apricena e P.Imperiale
Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

 
Il colpo
Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

 

Nel Foggiano

Droga, blitz polizia a San Severo
dopo omicidio boss Russi: 11 arresti
Salvini: «Ruspe anche per loro»

In carcere almeno dieci pregiudicati del posto

Droga, blitz polizia a San Severo dopo omicidio boss Russi: arresti

Un’operazione antidroga si è svolta questa mattina all'alba a San Severo, il Comune del Foggiano dove sabato scorso si è verificato l'omicidio di mafia di un pregiudicato: gli agenti della Polizia di Stato stanno eseguendo numerose misure cautelari in carcere emesse dal gip del Tribunale di Foggia nei confronti di una decina di pregiudicati del posto. Gli stessi, tutti ritenuti essere spacciatori, avrebbero anche collegamenti con la criminalità organizzata. Al blitz hanno preso parte oltre cento agenti di polizia con l'ausilio di un elicottero e del reparto prevenzione crimine. Le misure restrittive sono la prima dura risposta da parte della polizia di Stato e della Procura della Repubblica di Foggia dopo l'ultimo omicidio di mafia avvenuto la mattina di sabato scorso 23 novembre a San Severo dove è stato ucciso il pluripregiudicato Michele Russi.

"Oggi non abbiamo arrestato dei semplici pusher. Oggi abbiamo arrestato dei veri e propri spacciatori di morte". Lo ha detto il questore di Foggia, Mario della Cioppa, intervenendo alla conferenza stampa indetta per illustrare i dettagli dell'operazione antidroga che ha portato all'arresto di 14 pregiudicati di San Severo (Foggia). Dieci sono le persone ora in carcere, uno ai domiciliari; gli altri tre hanno l'obbligo di firma. Le indagini della polizia di Stato hanno riguardato il periodo compreso tra marzo 2017 e febbraio 2018. Tutto è nato - è stato spiegato - a seguito di una perquisizione effettuata a casa di uno degli indagati, Roberto Guidi, chiamato "Robin Hood", da qui il nome all'operazione. Investigazioni che hanno permesso di accertare numerosissimi episodi di spaccio di droga: hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Secondo gli inquirenti, gli indagati sono tutte persone ritenute vicine alla criminalità sanseverese, in particolar modo al gruppo facente capo a Franco Nardino e ai noti esponenti Nicola Salvatore e Michele Russi, entrambi uccisi: il primo a maggio 2017 e il secondo sabato scorso. Criptico il linguaggio utilizzato dai pusher. La marijuana, ad esempio era definita "cicoria". Fondamentale nell'attività di spaccio anche il ruolo delle donne anche avevano il compito di avvisare i mariti in caso di controlli da parte della polizia, utilizzando sempre un linguaggio in codice: "vieni a spostare la legna".

I destinatari delle misure cautelari sono:

Vincenzo Barra, alias “Zio Vincenzo”, nato a San Severo (FG) classe 1967 (carcere)
Pasquale Ciliberti, detto “Lino”, alias “Stampllucc”, nato a San Severo (FG) classe 1960 (domiciliari)
Felice Facciolla, nato a San Severo (FG) classe 1980 (obbligo di firma);
Roberto Guidi, alias “Robin Hood” nato a San Severo (FG) classe 1973 (carcere);
Raffaele Maresca, alias “Albano”, nato a San Severo (FG) classe 1982 (obbligo di firma);
Maria Soccorsa Marolla, nata a San Severo (FG) classe 1983 (carcere);
Nicola Ugo Mercaldi, detto “Nico”, nato a San Severo (FG) classe 1991(carcere);
Matteo Nazario Nardino, nato a San Severo (FG) classe 1991 (carcere);
Gennaro Gianni Notarangelo, alias “U Biond”, nato a San Severo (FG) classe 1973 (carcere);
Mariano Rendina, nato a San Severo (FG) classe 1983 (carcere);
Emilia Carmela Sasso, detta “Emily”, nata a San Severo (FG) classe 1985 (obbligo di firma);
Gennaro Tumolo, detto “Rino”, nato a San Severo (FG) classe 1976 (carcere);
Antonello Dario Valerio, alias “U Pazz”, nato a San Severo (FG) classe 1968 (carcere);

Giuseppe Vistola, alias “Fafum”, nato a San Severo (FG) classe 1979 (carcere).

SALVINI: «RUSPA ANCHE PER SPACCIATORI» - «Operazione antidroga nel Foggiano: decine di arresti. Grazie alle Forze dell’Ordine. Avanti con la pulizia, ruspa per mafiosi e spacciatori! La giornata comincia bene, in attesa del via libera definitivo al mio Decreto!». Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400