Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 08:08

NEWS DALLA SEZIONE

Morti bianche
Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da pala meccanica

Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da una pala meccanica

 
La sicurezza in Capitanata
Foggia, le alluvioni una minaccia costante

Foggia, le alluvioni una minaccia costante

 
Nel Foggiano
Ruba latticini dal supermercato dove lavora: arrestato 41enne a San Severo

San Severo, ruba scamorze nel market in cui lavora: arrestato

 
Nel Foggiano
Fuoco in centro rifiuti a Monte S.Angelo, deposito distrutto

Fuoco in centro rifiuti a Monte S.Angelo, deposito distrutto

 
Nel Foggiano
Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

 
Nel Foggiano
A casa di un'anziana confezionavano la droga: 4 arresti a San Severo

A casa di un'anziana confezionavano la droga: 4 arresti a San Severo

 
L'operazione dei cc
Foggia, dalla bomba alla pretesa di 50mila euro: arrestata «La tigre del Gargano»

Foggia, dalla bomba alla pretesa di 50mila euro: arrestata «La tigre del Gargano»

 
Inaugurata la struttura
Lucera, tornano visitabili dopo dieci anni i mosaici di San Giusto

Lucera, tornano visitabili dopo dieci anni i mosaici di San Giusto

 
Ambiente
Wwf denuncia: «Sventrata montagna Gargano per arrivare al mare»

Peschici, «sventrata» montagna per arrivare al mare: area sequestrata

 
Nel foggiano
In 8 mesi 4500 telefonate alla ex: divieto di avvicinamento a Manfredonia

In 8 mesi 4500 telefonate alla ex: divieto di avvicinamento a Manfredonia

 
Record negativo
Cerignola: cinque rapine in poche ore, è allarme

Cerignola: cinque rapine in poche ore, è allarme

 

agroalimentare

Corsa a esportare all’estero i prodotti dell’orto foggiano

Oltre 100 aziende al «road show» dell’Ice, nascono nuovi mercati. Gli imprenditori vogliono ampliare l’offerta, l’agenzia per la promozione del made in Italy li sostiene

Export dalla Puglia agli Usa in aumento: 351,6 milioni di euro in più dal 2017

FOGGIA - Le imprese foggiane chiedono l’indirizzo dei loro potenziali acquirenti, il road show dell’Ice - ultima tappa di un programma quadriennale - ha registrato un numero di presenze inusuale per questo genere di incontri in Capitanata. Ieri in Camera di commercio c’erano infatti 71 imprenditori già iscritti (su un totale di 145), più altri 42 che si sono presentati ieri mattina per essere ammessi agli incontri. L’agroalimentare detta l’agenda, la maggior parte delle imprese è interessata a piazzare all’estero i prodotti dell’orto e soprattutto del fresco (broccoletti, cavolfiori, frutta) un trend in assoluta crescita come dimostra l’incremento dell’8,6% dell’export foggiano in giro per il mondo registrato nel primo semestre del 2018. Dopo una fase seminariale, durata circa un paio di ore, si è così subito passati alla parte pratica, agli incontri degli imprenditori andati avanti per tutto il pomeriggio con i funzionari dell’Istituto per il commercio estero ai quali sono state poste una serie di domande e rappresentate le ragioni aziendali di ognuno. All’Ice sono stati posti quesiti soprattutto in ordine a dazi doganali e vincoli sulle forniture: «Abbiamo bisogno di conoscere norme e capire come fare ad entrare in certi mercati, sappiamo che comandano le lobby», la voce di un imprenditori che chiede «massima riservatezza». L’agenzia dell’Ice si dice «pronta» ad accompagnare le imprese in questo percorso: «Forniamo alle aziende tutte le informazioni necessarie, la prima regola è conoscere la lingua inglese», è stato spiegato durante gli incontri del mattino. «Nel piano Export Sud - ha detto Tiziana Vecchio dell’Ufficio relazioni internazionali, Direzione generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi del ministero dello Sviluppo Economico - è prevista la realizzazione di un programma potenziato di attività rivolte a Pmi, startup, consorzi industriali, reti d’impresa, incubatori e parchi tecnologici».

La tappa foggiana è la numero 61 di un programma che ne conteneva 58, le ultime tre sono state aggiunte cammin facendo anche sulla spinta del partenariato locale e della Camera di commercio. Un’azione sinergica che ha indotto l’Ice e il sistema della promozione italiana all’estero a volgere uno sguardo meno distratto sulla realtà foggiana l’unica peraltro in crescita sul fronte dell’export in Puglia (nelle 58 tappe dell’Ice erano già passate in rassegna Bari e Lecce). «Il potenziamento dell'export può rappresentare la chiave di volta per la crescita economica e produttiva della nostra provincia - afferma Giuseppe De Filippo, vicepresidente della Camera di commercio nell’indirizzo dei saluti - un territorio fortemente vocato alle esportazioni del manifatturiero agroalimentare. Come Camera di commercio di Foggia abbiamo sempre sostenuto azioni e interventi a supporto dell'internazionalizzazione delle nostre imprese. I dati positivi che riscontriamo (+8,6% nel primo semestre 2018) sono il segnale che la strada intrapresa è quella giusta». Una svolta imprenditoriale importante anche per l’assetto imprenditoriale dauno: «Il sistema cooperativistico è stato da sempre interessato a nuovi mercati - ha concluso Giorgio Mercuri, presidente di Confcooperative Foggia - essendo all’origine del prodotto italiano, e dunque esportatore dell’eccellenza del Made in Italy». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400