Venerdì 14 Dicembre 2018 | 09:14

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione del Comune
Da Orsara di Puglia un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: è polemica

Da Orsara un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: dopo polemica evento annullato

 
Nel foggiano
Torremaggiore, incendiata auto dirigente Sanitaservice

Torremaggiore, incendiata auto dirigente Sanitaservice

 
Di Jean-Marie Benjamin
Ragazzi sulle tracce di Padre Pio: stasera la prima del film

Ragazzi sulle tracce di Padre Pio: stasera la prima del film

 
Nel foggiano
San Severo: barista nasconde un chilo di cocaina tra le cialde del caffè, arrestato

San Severo: barista nasconde un chilo di cocaina tra le cialde del caffè, arrestato

 
Sequestrate 48 piante
Foggia, aveva in casa una piantagione di marijuana: arrestato

Foggia, aveva in casa una piantagione di marijuana: arrestato

 
Presidente per altri 5 anni
Foggia, camera commercio: rimane Porreca, lo vogliono tutti

Foggia, camera commercio: rimane Porreca, lo vogliono tutti

 
Nel foggiano
Incendio in appartamento a S.Giovanni Rotondo: muore 26enne disabile

Incendio in appartamento a S.Giovanni Rotondo: muore 26enne disabile

 
La cerimonia
Peschici: premio al Senato per la qualità turistica

Peschici: premio al Senato per la qualità turistica

 
Il caso
Foggia, minaccia la moglie e molesta la figlia minorenne: arrestato

Foggia, minaccia moglie e molesta figlia: arrestato

 
Anche un disabile
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 

Shock nei campi

Foggia, senza olive e senza stato di calamità

Confagricoltura: «L’ok bloccato dall’ufficio legislativo del Presidente della Repubblica»

olive raccolta

FOGGIA - La gelata di febbraio e marzo scorsi ha ucciso praticamente in «culla» le olive che si sarebbero dovute raccogliere in queste settimane. Lo scenario che si presenta in questi giorni in campagna non lascia spazio a interpretazioni: ulivi spogli e senza frutto, in alcuni casi persino con gli arbusti spaccati. Le previsioni indicano un raccolto ridotto di oltre la metà, sul prezzo dell’olio potrebbero esserci aumenti vertiginosi. Ma le conseguenze che temono di più le organizzazioni agricole sono altre: centinaia di lavoratori rimarranno senza occupazione, gli agricoltori dovranno fare i conti con il raccolto parzialmente perduto. «Rischiamo il disastro sociale», l’allarme di Confagricoltura che chiede aiuto al mondo politico, sindacale ed economico per evitare che la calamità agricola non si trasformi in un «dramma sociale» con conseguenze dirette sull’economia complessiva della Capitanata. Toni apocalittici quelli evocati dell’organizzazione di via Manfredi che denuncia «una vera ingiustizia», all’indomani di notizie poco confortanti in arrivo dalla Capitale in merito al riconoscimento dello stato di calamità naturale. «Sappiamo - recita infatti una nota - che la Regione Puglia ha trasferito con delibera di giunta regionale al ministero delle Politiche agricole tutta la documentazione prevista. Ciononostante, ad oggi, registriamo la bocciatura da parte dell’Ufficio legislativo della Presidenza della Repubblica della richiesta avanzata dal ministero». Forse un colpo inatteso, di certo dopo il via libera di Regione e ministero non era preventivabile uno stop dal Colle. «Immaginare di poter stabilire adesso a chi attribuire le responsabilità di questa vergognosa vicenda è cosa prematura e soprattutto inutile», il commento stizzito dell’organizzazione presieduta da Filippo Schiavone. Bisogna correre ai ripari, già ma come? «Quello che adesso ci preme veramente - rileva Confagricoltura - è sollecitare tutte le forze sociali e produttive a fare quadrato per cercare di recuperare una situazione assolutamente paradossale. Confagricoltura Foggia - si legge ancora nella nota - rivolge il proprio pensiero e la propria preoccupazione anche nei confronti degli operai agricoli operanti in quei territori che, alla luce di quanto successo e dell’inevitabile calo dell’occupazione a seguito degli eventi calamitosi, rischiano di perdere, oltre alle giornate lavorative, anche la possibilità di accedere a tutta una serie di prestazioni previdenziali che, in mancanza di un numero congruo di giornate agricole effettuate, potrebbero non essere erogate». Confagricoltura ricorda come «la terribile gelata di fine febbraio», abbia totalmente distrutto le produzioni olivicole del sud Foggiano e nord Barese. «È stato un evento di una tale portata, per violenza ed estensione, da non trovare alcun riscontro tra le calamità naturali degli ultimi trent’anni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400