Mercoledì 22 Settembre 2021 | 09:08

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

IL vertice

Cerignola , alalrme rifiuti
Sia verso il fallimento

L'incarico sarà affidato ad un'altra ditta: si attende una ordinanza della Regione

Cerignola , alalrme rifiutiSia verso il fallimento

CERIGNOLA - Vertice in prefettura per individuare una exit strategy sulla questione rifiuti, con le città servite da Sia inondate di rifiuti e i lavoratori della società in house che hanno da quasi una settimana incrociato le braccia. Quello a cui si assiste è a malincuore la cronaca di una fine annunciata; a sintetizzare il risultato del tavolo è Franco Metta, sindaco di Cerignola ma soprattutto presidente del Consorzio: «Abbiamo partecipato al funerale di Sia purtroppo».

A parte la crudezza dell’affermazione, il futuro più immediato si chiama fallimento e subentro di una nuova azienda pubblica. «A partire da stasera riprenderà la raccolta dei rifiuti a cura di Sia - ha detto Metta all’uscita dalla sala riunioni -, entro 20-25 giorni il commissario Grandaliano ha anticipato che ci sarà un’ordinanza del presidente Michele Emiliano con la quale si incaricherà un’altra azienda pubblica di effettuare il servizio nei 9 Comuni del Consorzio del Bacino Foggia 4. Sento dire, salvaguardando i livelli occupazionali, riassumendo in questa nuova società tutte le maestranze».

L’inizio della fine di Sia ma anche la certificazione dell’impossibilità di tenere in vita l’azienda, «volontà di non tenerla in vita», ribattono i dipendenti. «Oggi 9 Comuni hanno detto di non essere in grado di andare avanti - ha spiegato il presidente del consorzio Metta -. Venite e venite a salvarci, abbiamo detto».

Allo stato attuale delle cose a subentrare a Sia potrebbe essere Amiu Puglia anche se Gianfranco Grandaliano, arrivato in netto ritardo al vertice con il prefetto Mariani, non conferma tale ipotesi.

«Non so chi arriverà, comunque la situazione è complicata - ha confermato l’amministratore unico di Sia Francesco Vasciaveo a margine della riunione -. Il contratto di servizio non vogliono farlo con Sia».

Sul banco degli imputati ci sono i sindaci, Metta compreso, e la questione sesto lotto. Infatti i dipendenti hanno ricordato a più riprese come il fallimento di Sia rinvenga dall’esaurimento della discarica. «Io non ho mai negato il sesto lotto» ha detto il sindaco di Cerignola rispondendo alle accuse che giungono da più parti, soprattutto dalle opposizioni che ricordano come nel 2015 Metta a più riprese si fosse dichiarato contrario al nuovo lotto di discarica.

«La fine di Sia l’ha decisa Franco Metta il 31 Luglio 2015 dichiarando in consiglio comunale che mai con lui sindaco si sarebbe fatto il VI lotto, pena le sue dimissioni, per poi cambiare idea un anno e mezzo dopo. Troppo tardi» aveva detto nei giorni scorsi Tommaso Sgarro che a margine della riunione e delle risultanze dice: «Solo rabbia e amarezza. Piena solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Sia».

Di fatto dopo l’incontro con il Prefetto riprenderà la raccolta dell’immondizia ad opera di Sia, ma il futuro dell’azienda è già scritto:sarà assorbimento, fallimento o acquisizione la Sia è destinata a scomparire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie