Domenica 01 Agosto 2021 | 03:15

NEWS DALLA SEZIONE

Sassoli, Ue si doti di politica comune sull'asilo

Sassoli, Ue si doti di politica comune sull'asilo

 
Allo studio una revisione del programma di lavoro dell’eurocamera

Allo studio una revisione del programma di lavoro dell’eurocamera

 
Le calamità naturali in Europa sono costate 77 miliardi in 20 anni

Le calamità naturali in Europa sono costate 77 miliardi in 20 anni

 
L’Ue è vicina all’obiettivo sui vaccini, il 70% degli adulti ha ricevuto una dose

L’Ue è vicina all’obiettivo sui vaccini, il 70% degli adulti ha ricevuto una dose

 
Breton, l'Europa ora è la farmacia del mondo

Breton, l'Europa ora è la farmacia del mondo

 
Von der Leyen, mantenuto la parola, una dose a 70% adulti

Von der Leyen, mantenuto la parola, una dose a 70% adulti

 
Eurodeputati, stop agli arresti degli oppositori in Bielorussia

Eurodeputati, stop agli arresti degli oppositori in Bielorussia

 
Ue, con pandemia in Italia aumentato rischio corruzione

Ue, con pandemia in Italia aumentato rischio corruzione

 
L'Ema avvia la procedura di valutazione del vaccino Sanofi

L'Ema avvia la procedura di valutazione del vaccino Sanofi

 
Frontex ignorò le prove degli abusi sui migranti

Frontex ignorò le prove degli abusi sui migranti

 
Sassoli: abbiamo fatto tanto, il Green pass va usato

Sassoli: abbiamo fatto tanto, il Green pass va usato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Corte Conti Ue denuncia, in Italia chi inquina non paga

Corte Conti Ue denuncia, in Italia chi inquina non paga

BRUXELLES - Le discariche illegali su tutto il territorio nazionale per cui l'Italia è stata condannata dalla Corte di giustizia europea è un caso esemplare di non applicazione del principio Ue "chi inquina paga", poichè per finanziare le azioni di risanamento sono stati utilizzati i soldi pubblici, anziché quelli di chi ha inquinato. Lo scrive la Corte dei Conti Ue nel rapporto 'Il principio chi inquina paga: applicazione incoerente tra politiche e azioni Ue', che ha analizzato, tra l'altro, 42 progetti per un valore di 180 milioni di euro di fondi strutturali e di investimento europei e LIFE in otto regioni di tre Stati membri: 19 in Italia, 10 in Polonia e 13 in Portogallo. "In moltissimi casi - dice il responsabile del rapporto Viorel Stefan - invece degli inquinatori le azioni di risanamento sono state finanziate con il bilancio statale o dell'Ue".

Nel caso delle discariche abusive che tuttora costano all'Italia sanzioni pecuniarie inflitte dalla Corte Ue, i revisori hanno esaminato 8 siti in Campania, interessati da un contributo di 27,2 milioni di euro di fondi strutturali 2014-2020. In un sito in particolare, la discarica non era attrezzata per proteggere il suolo, la falda freatica e l'aria dall'inquinamento. Il gestore non ha tutelato il sito dallo scarico abusivo di rifiuti, anche pericolosi, né durante le operazioni né dopo la chiusura. Le autorità nazionali hanno utilizzato 2,2 milioni di euro di fondi dell'Ue per decontaminare il sito nel 2017 e nel 2018, dopodiché la Commissione ha ritenuto l'ex discarica conforme alla normativa ambientale dell'Ue. Nel rapporto si parla anche del caso dell'ex Ilva, sebbene i revisori non la citino direttamente riferendosi solo a "un grande impianto per l'acciaio". In questo caso, si legge nel documento, la mancata applicazione della Direttiva per le emissioni industriali ha portato a una situazione di irregolarità sanzionata anche dalla Corte di giustizia Ue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie