Lunedì 20 Gennaio 2020 | 02:33

NEWS DALLA SEZIONE

Tregua Usa-Cina sui dazi: industria Usa, accordo frena invadenza Ue su Dop

Tregua Usa-Cina sui dazi: industria Usa, accordo frena invadenza Ue su Dop

 
Green deal: 364 milioni a Italia per mobilitare 4,8 miliardi

Green deal: 364 milioni a Italia per mobilitare 4,8 miliardi

 
Vino: produttori Ue e Usa chiedono a governi 'dazi zero'

Vino: produttori Ue e Usa chiedono a governi 'dazi zero'

 
Libia: Ue denuncia le ingerenze di Russia e Turchia

Libia: Ue denuncia le ingerenze di Russia e Turchia

 
Ferreira, servono nuove risorse per il Fondo di transizione verde

Ferreira, servono nuove risorse per il Fondo di transizione verde

 
Agroalimentare: con 14,7 miliardi a ottobre nuovo record export Ue

Agroalimentare: con 14,7 miliardi a ottobre nuovo record export Ue

 
Agea: Psr, 12 programmi su 13 superano obiettivo spesa

Agea: Psr, 12 programmi su 13 superano obiettivo spesa

 
Eurozona: prezzi produzione industriale, +0,2% a novembre

Eurozona: prezzi produzione industriale, +0,2% a novembre

 
Ue deplora la decisione dell'Iran su accordo nucleare

Ue deplora la decisione dell'Iran su accordo nucleare

 
Libia: Ue, forte preoccupazione voto parlamento turco

Libia: Ue, forte preoccupazione voto parlamento turco

 
Brexit: chi entra e chi esce all'Eurocamera a fine mese

Brexit: chi entra e chi esce all'Eurocamera a fine mese

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl 22 gennaio
Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Migranti: Schinas, serve nuovo inizio, intesa Ue è priorità

Migranti: Schinas, serve nuovo inizio, intesa Ue è priorità

BRUXELLES - "Durante il Consiglio discuteremo del futuro delle politiche sulla migrazione e la sicurezza. Non c'è dubbio che abbiamo bisogno di un nuovo inizio. Questo è l'inizio di un nuovo ciclo politico". Così il neocommissario Ue responsabile del coordinamento delle politiche su migrazione e sicurezza, Margaritis Schinas, al suo arrivo al Consiglio Affari interni. "Una delle priorità più emblematiche della nuova Commissione sarà il nuovo Patto per l'asilo e la migrazione - ha aggiunto - l'Europa ha fatto molto negli ultimi cinque anni ma non tutto.

Dobbiamo completare questa riforma emblematica del regolamento di Dublino, lavorare con gli Stati membri, con i Paesi terzi, proteggere le frontiere, introdurre la solidarietà. C'è molto da fare". Prima dell'inizio dei lavori, Schinas e la commissaria Ue agli Affari interni, Ylva Johansson, hanno incontrato il ministro dell'interno tedesco Horst Seehofer. "Siamo totalmente in sintonia con la Germania. Abbiamo bisogno di questo tipo di accordo con tutti i Paesi, e lavoreremo duro per ottenerlo", ha detto Schinas.

"Avremo incontri bilaterali con tutti i ministri", ha precisato Johansson, "certamente non sarà facile" trovare un compromesso sul nuovo Patto per la migrazione e l'asilo, "ma credo che tutti gli Stati membri abbiano realizzato che non possiamo andare avanti senza questo nuovo accordo sulla politica comune. Credo ci sia uno slancio su questo e lo sfrutterò".

"Abbiamo bisogno di una politica europea comune in materia di asilo, non possiamo continuare a lasciare i Paesi ai confini esterni dell'Europa - come l'Italia, la Grecia, la Spagna e i Balcani occidentali - soli ad affrontare i problemi": così il ministro degli Interni tedesco, Seehofer, arrivando alla riunione con i suoi omologhi a Bruxelles. I Paesi di Visegrad "non possono desiderare sostegno dall'Europa da un lato, e dall'altro rifiutare la solidarietà quando si tratta di accettare rifugiati", ha detto il ministro tedesco. Per riformare la politica europea in materia di asilo è necessario partire dalle "frontiere esterne" e dal "diritto alla protezione" dei rifugiati, ha quindi evidenziato Seehofer, che auspica un primo accordo tra "un numero elevato di Stati" membri, senza "aspettare di trovare un denominatore comune tra tutti i 27".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie