Domenica 16 Giugno 2019 | 05:11

NEWS DALLA SEZIONE

Europee: nuovo aggiornamento Pe, al Ppe 179 seggi, a S&D 153

Europee: nuovo aggiornamento Pe, al Ppe 179 seggi, a S&D 153

 
Europee: Ue, dalla Russia attività di disinformazione

Europee: Ue, dalla Russia attività di disinformazione

 
Centeno, l'Italia assicuri il rispetto degli impegni

Centeno, l'Italia assicuri il rispetto degli impegni

 
Nasce 'Identità e democrazia', neo gruppo sovranista al Pe

Nasce 'Identità e democrazia', neo gruppo sovranista al Pe

 
Ue: 'Liberali cambiano nome, si chiamano Renew Europe'

Ue: 'Liberali cambiano nome, si chiamano Renew Europe'

 
Ue: Ppe, S&D, Alde e Verdi, domani incontro per intesa al Pe

Ue: Ppe, S&D, Alde e Verdi, domani incontro per intesa al Pe

 
Moscovici, la mia porta è aperta, ma non perdiamo tempo

Moscovici, la mia porta è aperta, ma non perdiamo tempo

 
Juncker, Italia sbaglia direzione, rischia procedura

Juncker, Italia sbaglia direzione, rischia procedura

 
Ue: Farage, spero in un gruppo con il M5S all'Eurocamera

Ue: Farage, spero in un gruppo con il M5S all'Eurocamera

 
Nomine Ue, Conte vede Weber. 'Anche criterio geografico'

Nomine Ue, Conte vede Weber. 'Anche criterio geografico'

 
Socialisti spagnoli si candidano a guida gruppo S&D al Parlamento Ue

Socialisti spagnoli si candidano a guida gruppo S&D al Parlamento Ue

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
BariIl progetto
Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

 
NewsweekDal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 
HomeL'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
BrindisiAlla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 
BatIl ritrovamento
San Ferdinando, Nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

San Ferdinando, nascondeva nel box un fucile: arrestato incensurato

 
MateraL'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 

i più letti

Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d'origine

Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d'origine

BRUXELLES - In base al diritto europeo, un rifugiato in fuga da un Paese in cui rischia la tortura o altri trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra non può essere rimpatriato o respinto nel sopracitato Paese anche se lo status di rifugiato gli viene negato o revocato dallo Stato ospitante per validi motivi di sicurezza. E' quanto ha chiarito la Corte di giustizia Ue in una sentenza pubblicata oggi.

I giudici della Corte sono stati chiamati a pronunciarsi sulla conformità delle disposizioni della direttiva Ue sui rifugiati con quanto previsto dalla Convenzione di Ginevra dai colleghi di Belgio e Repubblica Ceca in seguito ai ricorsi presentati da un ivoriano, un congolose e un ceceno a cui è stato revocato o rifiutato lo status di rifugiato per gravi motivi. Una fattispecie prevista dalla stessa Convenzione di Ginevra.

In base alle norme vigenti, secondo la sentenza odierna della Corte, "fintanto che il cittadino di un Paese extra-Ue o un apolide abbia fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese d'origine o di residenza, questa persona deve essere qualificata come rifugiato indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato sia stato formalmente riconosciuto". Fatta questa premessa, la Corte ha stabilito che la direttiva europea va "interpretata e applicata nel rispetto dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue" che "escludono la possibilità di un respingimento" verso Paesi a rischio. La stessa Carta, hanno ricordato i giudici comunitari, "vieta infatti in termini categorici la tortura nonchè pene e trattamenti inumani e degradanti a prescindere dal comportamento dell'interessato e l'allontanamento verso uno Stato dove esista un rischio serio che una persona sia sottoposta a trattamenti di tale genere". In altre parole, secondo le delucidazioni fornire dagli addetti ai lavori, la sentenza della Corte ha stabilito che il diritto Ue dà ai rifugiati una protezione maggiore di quella riconosciuta dalla Convenzione di Ginevra stabilendo che, anche nel caso di rifiuto o ritiro dello status di rifugiato per gravi e validi motivi, costui non può essere rimandato nel Paese d'origine. Spetta poi alla magistratura nazionale stabilire se l'interessato è da considerarsi o meno un clandestino con tutte le implicazioni connesse a questo status.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400